Accordo politico UE per frenare lo scambio di minerali

Stampa/PDF

L'UE ha concordato un quadro per fermare il finanziamento dei gruppi armati attraverso il commercio di minerali. Questi minerali sono tipicamente utilizzati in prodotti di uso quotidiano come i telefoni cellulari, automobili e gioielli.

"L'UE è impegnata a prevenire il commercio internazionale di minerali per il finanziamento dei signori della guerra, criminali e degli abusi dei diritti umani", ha detto Lilianne Ploumen, il ministro per il Commercio estero e della cooperazione allo sviluppo dei Paesi Bassi, a nome del Consiglio dell'Unione europea. Insieme con il Presidente della commissione INTA del Parlamento europeo, Bernd Lange, INTA relatore Iuliu Winkler, e il commissario Ue al commercio Cecilia Malmström è stato raggiunto  una intesa politica su un quadro per un regolamento UE che possa fermare i profitti di questi minerali.

"Questa intesa politica sui minerali dei conflitti contribuirà a lavorare per la pace e la prosperità nelle comunità e nelle aree di tutto il mondo colpiti da conflitti armati", ha dichiarato il commissario europeo per il Commercio, Cecilia Malmström. Il Presidente Lange concorda dichiarando:"Dobbiamo intensificare le nostre responsabilità e, infine spezzare il circolo vizioso tra il commercio di minerali e il finanziamento dei conflitti." 

Stampa/PDF
Accordo politico UE per frenare lo scambio di minerali