'Amecrys': il nuovo processo per purificare anticorpi monoclonali

Stampa/PDF

Amecrys - Revolutionising Downstream Processing of Monoclonal Antibodies by Continuous Template-Assisted Membrane Crystallization, è un progetto europeo, coordinato dal Cnr, finanziato nell’ambito del programma Future and Emerging Technologies di Horizon 2020 (call H2020-FETOPEN-2014/2015), che si propone l’obiettivo di rivoluzionare gli attuali standard di produzione industriale di anticorpi monoclonali (mAbs), attraverso lo sviluppo di uno specifico processo di purificazione (downstream processing) basato sulla cristallizzazione a membrana (tecnologia ideata durante pregresse attività di ricerca condotte in collaborazione dal Cnr-Itm e l’Università della Calabria).

Il coordinatore del progetto è il dr. Gianluca Di Profio dell’Istituto per la tecnologia delle membrane (Cnr-Itm) di Rende (CS), capofila del team del Cnr che comprende 'anche l’Istituto di cristallografia (Cnr-Ic) e l’Istituto per le applicazione del calcolo 'Mauro Picone” (Cnr-Iac) di Bari.

Durante il secondo review meeting svoltosi presso la Research Executive Agency (REA) in Bruxelles, sono stati esposti i risultati dell’applicazione dell’innovativo processo di cristallizzazione assistito da membrane appositamente funzionalizzate, che ha portato alla cristallizzazione direttamente dal brodo di coltura chiarificato dell’anticorpo monoclonale Anti-CD20 (Rituxan), farmaco impiegato per il trattamento del linfoma non-Hodgkin e della leucemia linfocitica cronica. Come si legge nel report di valutazione recentemente rilasciato dalla Commissione Europea, gli esperti della REA evidenziano che 'Project has delivered exceptional results with significant immediate or potential impact', implementando su scala di laboratorio l’idea di recupero di mAbs da soluzioni impure mediante cristallizzazione assistita da membrana, e il raggiungimento dell’obiettivo fondamentale del progetto.

Stampa/PDF
'Amecrys': il nuovo processo per purificare anticorpi monoclonali