Amici per la pelle

Stampa/PDF
Otto mila ragazzi in sette anni, quattro regioni coinvolte, un incremento di iscrizioni agli istituti professionali a indirizzo conciario pari a circa il 20 per cento: sono questi alcuni dei numeri di “Amici per la Pelle”, progetto giunto alla settima edizione promosso da UNIC-Unione Nazionale Industria Conciaria. L’evento conclusivo è in programma a chiusura di Lineapelle, la più importante rassegna fieristica internazionale per l’area pelle (Fiera Milano, Rho) e si svolgerà nella Sala Auditorium del Centro Servizi.

Protagonisti dell’evento, che sarà condotto dal DJ Francesco Facchinetti, saranno più di mille ragazzi di 12 e 13 anni che frequentano le seconde e terze classi delle scuole secondarie inferiori dei distretti conciari italiani presenti in Campania, Lombardia, Toscana e Veneto e che durante l’anno hanno lavorato al progetto grazie anche al supporto delle istituzioni locali e  degli imprenditori.

Quello conciario, secondo i dati del Servizio Economico UNIC, è un settore che ha un'occupazione stabile e che nel periodo 2012-2015 (dati ISTAT) è cresciuto dell’1%, mentre il sistema economico italiano ha perso il 3% degli addetti e la manifattura complessiva il 6%. Secondo stime Unioncamere, la conceria italiana, nei prossimi 5 anni, avrà bisogno di 3 mila nuove assunzioni.

Per questa edizione di “Amici per la Pelle”, gli studenti sono stati invitati a riflettere sul patrimonio artistico del proprio territorio, individuandone l’opera più rappresentativa e riproducendola con l’utilizzo di pelle e cuoio. Tema storico-artistico per una galleria d’arte applicata denominata Museum Tan e che si può ammirare durante Lineapelle94. Tutte le opere partecipanti sono, infatti, esposte al Padiglione 9, e si potranno scoprire anche online accedendo alla pagina Facebook di UNIC dove saranno postate una per una.

Il progetto "Amici per la Pelle" si pone la mission di creare nei più giovani la consapevolezza della ricchezza economica, artigianale e culturale legata all’industria di riferimento del territorio in cui vivono: quella della pelle. Ogni anno il progetto si articola lungo un percorso formativo che, nell’arco di 6 mesi, porta gli studenti in visita alle concerie, agli impianti di depurazione, ai centri di ricerca. L’obiettivo artistico è quello di realizzare un’opera in pelle e diventa quindi un veicolo per comunicare alle nuove generazioni il valore professionale dell’industria conciaria.

Non è un caso, dunque, che "Amici per la Pelle" abbia permesso, nei distretti italiani della pelle, un aumento di iscrizioni agli istituti professionali a indirizzo conciario pari a circa il 20 per cento.

Ogni edizione di "Amici per la Pelle" coinvolge gli studenti delle classi seconde e terze delle scuole medie inferiori presenti nei distretti italiani della concia: dal 2012 a oggi sono stati circa 8 mila.
Stampa/PDF
Amici per la pelle