Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli

Arte, musica ed emozioni al carcere

Stampa/PDF

Emozioni intense, grandi artisti e commozione per un evento senza dubbio unico: il carcere di Sant’Angelo dei Lombardi ha ospitato, su iniziativa dell’Istituto Superiore “Francesco De Sanctis” di Sant’Angelo dei Lombardi, in collaborazione con l’Istituto Superiore “Luigi Vanvitelli” di Lioni e il CPIA di Avellino, un concerto straordinario in occasione delle festività di fine anno.

Ad esibirsi per i detenuti dell’istituto penitenziario sono stati Vincenzo RomanoErasmo Petringa e la Scuola di Tarantella Montemaranese. Vincenzo Romano, “Cantore Pellegrino delle Tradizioni”, ha portato tra le mura del carcere la sua arte popolare e etnica tra sacro e pagano, con i suoi canti che vibrano, si spandono e catturano. Sin dall’età di 9 anni si è esibito, suonando e cantando, con i grandi nomi della tradizione musicale campana, da Francesco Tiani, a Marcello Colasurdo, a Tullio De Piscopo. Erasmo Petringa, compositore, polistrumentista, direttore d’orchestra, con l’attivo collaborazioni con grandi artisti di fama nazionale ed internazionale nonché la direzione dell’Orchestra del 58esimo Festival di Sanremo, ha portato in scena i suoi virtuosismi che lo rendono unico nel panorama musicale italiano. Quindi la Scuola di Tarantella Montemaranese, con la tradizione irpina intramontabile e sempre di grande impatto, e le poesie e gli interventi musicali portati in scena dai detenuti stessi.

Per i detenuti del carcere si è trattato di un momento di grande emozione, tanto da far registrare il tutto esaurito tra i posti disponibili, in un momento molto particolare dell’anno per un istituto penitenziario come le festività natalizie, quando la lontananza da casa fa sentire di più il suo peso. Grazie alla collaborazione e gioco di squadra da parte dell’area educativa tutta (ispettrice, educatrici e docenti) e dell’amministrazione penitenziaria, si è potuto realizzare un evento importante, già con l’obiettivo di essere ripetuto, andando ad arricchire i momenti che il carcere riserva ai suoi detenuti per avvicinare il mondo esterno. Tante le autorità presenti per l’occasione: il Comandante dei Carabinieri di S.Angelo dei Lombardi, il Comandante della Guardia di Finanza di Sant’Angelo dei Lombardi, l’assessore Giuseppe Landolfi in rappresentanza dell’amministrazione comunale di Sant’Angelo dei Lombardi, la polizia penitenziaria che ha assicurato il servizio di vigilanza, il Comandante del Reparto, Commissario coordinatore Giovanni Salvati, la direttrice del carcere, anche direttrice del carcere minorile di Airola, Marianna Adanti, il Dirigente scolastico del “De Sanctis”, Gerardo Cipriano, e il vicepreside Michelangelo Fischetti, per l’Istituto “Vanvitelli”, la vicaria Valeria Marcucci e i responsabili dei plessi, la dirigente del CPIA Maria Stella Battista. Ad arricchire l’evento anche il buffet offerto dall’istituto alberghiero “Vanvitelli” ai detenuti, alle autorità e agli artisti, mentre il service per lo spettacolo è stato offerto da Discoservice Musicheria.

La Direttrice e tutta l’Amministrazione Penitenziaria hanno ringraziato gli istituti scolastici per la proposta e per aver collaborato nella riuscita dell’iniziativa, a conferma di un quadro generale di estrema collaborazione con il mondo della formazione all’interno del carcereUna realtà che viene spesso definita un modello, con due corsi scolastici, Ragioneria e Alberghiero, attraverso i quali i detenuti possono acquisire un diploma di scuola superiore per approcciare al mondo del lavoro, oltre alla scuola mediaprimaria e all’alfabetizzazione per gli stranieri. Il carcere ha inoltre ben quattro lavorazioni penitenziarie, dove è impiegata la maggior parte della popolazione penitenziaria: tipografia e sartoria, con commesse da tutta Italia, officina meccanica e carrozzeria e tenimenti agricoli. Per non pregiudicare l’istruzione, inoltre, i corsi scolastici si tengono di pomeriggio. Un percorso importante, dunque, per costruire un bagaglio da poter spendere una volta fuori dal carcere.

Senza dubbio un modello da imitare, tanto da far registrare il record di costituiti, che scelgono di scontare la propria pena a Sant’Angelo dei Lombardi proprio per l’ampio ventaglio di opportunità di formazione scolastica e professionale, e vincendo nel 2011 il Premio Qualità delle Pubbliche Amministrazioni promosso dal Dipartimento della Funzione Pubblica in collaborazione con il Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti (CNCU), da Confindustria e dall’Associazione Premio Qualità Italia (APQI).

Stampa/PDF
Arte, musica ed emozioni al carcere