As Walls Keep Shifting

Stampa/PDF

Le OGR – Officine Grandi Riparazioni di Torino presentano As Walls Keep Shifting, la prima personale in un’istituzione italiana di Monica Bonvicini, curata da Nicola Ricciardi con Samuele Piazza e ospitata nel BINARIO 1 delle OGR dal 1 novembre 2019 al 9 febbraio 2020.

In occasione della mostra alle OGR la ricerca dell’artista si materializza in un’imponente installazione site-specific in cui lo spazio espositivo del BINARIO 1 viene preso come punto di partenza per innescare una critica sull'architettura, sulla sua storia e sulla sua memoria, creando un coinvolgimento diretto del pubblico.

As Walls Keep Shifting – titolo della mostra e frase tratta dal romanzo House of Leaves di Mark Z. Danielewski – suggerisce una potente immagine metaforica del rapporto che l’uomo ha con l'ambiente costruito. Riflettendo sulle pareti e sui muri, che a volte costruisce e altre distrugge, Monica Bonvicini prende l’atto del "costruirsi una casa" come un esercizio artistico e indaga la creazione dello spazio individuale e privato con le problematiche che ne conseguono, come l'isolamento, le dinamiche di esclusione, le delusioni e i risentimenti che stanno alla base dell’aumento dei movimenti reazionari.

Il nuovo progetto di Monica Bonvicini, grazie all’utilizzo di luci teatrali, divide in due parti il BINARIO 1 delle OGR che risulta quindi occupato per metà da una grande struttura a forma di casa a dimensioni reali (10 m. di lunghezza per 8 m. di altezza e profondità). 

Costituito da uno scheletro di travi in legno, il telaio dell’edificio è lasciato vuoto, come se si dovessero ancora aggiungere pareti, finestre e finiture. La percezione è quella di una strana indeterminatezza: la funzionalità è resa instabile ma allo stesso tempo viene suggerita una nuova possibilità di utilizzo e relazione.

Il piano architettonico utilizzato dall’artista è quello di una villetta bifamiliare – tipica nel Nord Italia degli anni '60 e '70 – ma la planimetria originale è stata tagliata a metà e ne è stata costruita solo una parte, quella che idealmente è destinata a una sola famiglia: questo gesto crea uno spazio negativo, in cui la mancanza della parte speculare della struttura spinge il visitatore a considerare il vuoto e il buio che sono stati lasciati nello spazio.

L'intervento funziona sia come scultura su larga scala che come display espositivo per le opere dell’artista: sculture, lavori bidimensionali e alcune nuove produzioni che assumono a loro volta una nuova estetica e una nuova funzione. 

Esposta per la prima volta nella sua interezza in questa occasione, composta da 34 elementi e frutto degli ultimi due anni di lavoro di Monica Bonvicini, la documentazione fotografica Italian Homes (2019) è il punto di partenza dell’intera installazione delle OGR. Tutte le immagini raffigurano delle villette bifamiliari lombarde degli anni ’60, ma ogni fotografia differisce dalle altre solamente per il modo in cui questi edifici sono stati modificati (rimodellati, ridipinti o decorati) dai loro proprietari, diventando così il ritratto di chi le ha abitate o ancora le abita. È in questo modo che l’opera mette in contrasto l'individualità e la singolarità con la standardizzazione e l'omogeneizzazione.

L'interno del telaio della casa è illuminato da White Out (2019): una nuova opera luminosa che riunisce articoli fabbricati in serie in un’unica struttura, caotica ma perfettamente funzionante è in grado di mettere in discussione l'eredità del tardo Modernismo così vicina ai metodi di produzione industriale.

Fuori dalla struttura, a creare l’illusione di una situazione da esterno, Structural Psychodrama #4 (2019), una rampa di scale in cemento legata da una catena ornata da numerosi lucchetti. La connotazione da “… e vissero tutti felici e contenti” associabile al simbolo kitsch di romanticismo urbano suggerito dai lucchetti si scontra con l’aspetto grezzo del materiale e fa pensare a qualcosa di incompiuto e poi abbandonato e dimenticato.

Le opere di Monica Bonvicini sono intrise di rimandi alla storia dell’arte e di riferimenti a opere letterarie che descrivono la domesticità. Il ritorno alla periferia e alle aree rurali, l'idea di rivisitare i luoghi d'origine come mezzo per superare le soglie delle bolle economiche, sociali e politiche, è al centro di una riflessione sull'attuale frammentazione della società.

In occasione di As Walls Keep Shifting un catalogo, pubblicato da OGR, in uscita nel 2020, raccoglierà una serie di nuovi saggi nati in relazione all'installazione presso le Officine Grandi Riparazioni e ne documenterà le varie fasi di ricerca.

Stampa/PDF
As Walls Keep Shifting