Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli

Attentato a Londra: il sistema non funziona

Stampa/PDF

Qualcosa nel sistema non ha funzionato. Usman Khan, colui che ha aggredito 5 persone nel recente attentato di Londra, era in libertà vigilata.

Attentato di Londra: momento di panico sul London Bridge

26 novembre, London Bridge, ore 14. Un ragazzo estrae un coltello e comincia a colpire chi gli sta attorno. Usman Khan, 28 anni, uccide due persone e ne ferisce altre tre prima dell’arrivo della polizia che mette fine alla sua follia omicida. Usman Khan, pakistano, ha agito per mano dell’Isis che ha rivendicato l’attentato.

E il pensiero va immediatamente ad altri attentati come quello di Strasburgo durante i mercatini di Natale nel 2018 oppure quello sulla Rambla di Barcellona nel 2017. Luoghi affollatissimi che solleticano le menti degli attentatori e forze dell’ordine sempre di più in stato d’allerta. Anche quest’anno, in occasione delle feste natalizie e dei tradizionali festeggiamenti in piazza, l’attenzione per paura di attacchi terroristici è altissima.

Forse, un occhio particolare si sarebbe dpotuto prestare anche ad Usman Khan. La pericolosità del giovane pakistano, protagonista di quesro attentato a Londra è stata sottovaluta e lui è stato scarcerato molto prima del tempo.

La certezza e la severità delle pene

L’attentato di Londra ancora una volta muove l’ago dell’attenzione verso il sistema giudiziario. Usman Khan era stato condannato e incarcerato nel 2012 per aver progettato un attacco terroristico alla Borsa di Londra. Il giudice che gli aveva inflitto la condanna nel 2012 aveva parlato di un jijadista pericoloso da tenere d’occhio, ma la minaccia era stata sottovaluta e il primo ministro britannico, Boris Johnson, ha polemizzato con il sistema giudiziario. Usman Khan è stato condannato per reati di terrorismo a 16 anni ma in realtà non ne aveva scontati neanche la metà per permessi e benefici. Al momento dell’attacco era in libertà vigilata. Alla luce della vicenda il Ministero della Giustizia Britannica ha avviato un riesame su circa 70 casi di reati per terrorismo al fine di rivederne la permessistica applicata.

Stampa/PDF
Attentato a Londra: il sistema non funziona