Avvistamenti, il cinema a Roma guarda lontano

Stampa/PDF

Avvistare la città da prospettive diverse, scoprire una realtà urbana in divenire. E’ il filo conduttore di “Avvistamenti”, la rassegna cinematografica che si terrà dall’8 al 22 settembre 2018 nel Parco Peppino Impastato, presso la Biblioteca Collina della Pace, nel VI Municipio di Roma.

La rassegna sotto le stelle è organizzata dal VI Municipio del Comune di Roma, dall’Istituzione Biblioteche di Roma, dall’Agenzia Spaziale Italiana e dal Forum del Libro. 15 giornidedicati al cinema e 23 film suddivisi in tre sezioni cinematografiche: “Oltre la città”, sulle nuove identità metropolitane, a cura di Biblioteche di Roma, “I bambini ci ri-guardano”, animazione e fiction per i più piccoli a cura di Alice nella città, “Viaggi nello spazio e nel tempo” a cura dell’Agenzia Spaziale Italiana.

Nell’arena all’aperto del Parco Peppino Impastato, verrà presentata, a cura dell’Asi, una selezione dei più interessanti film di fantascienza degli ultimi anni, che spazierà dai nuovi stili narrativi del cinema hollywoodiano alle più originali interpretazioni italiane del genere. Ogni proiezione sarà preceduta da unapresentazione del film alla quale parteciperanno esperti nelle tematiche trattate, registi, attori o produttori e il critico cinematografico Marco Spagnoli del Giornale dello Spettacolo.

Aprirà la rassegna, l’8 settembre, la favola fantascientifica “Tito e gli alieni”, una pellicola tutta italiana che sfiora con fantasia il mistero della vita attingendo anche dal genere della commedia. La proiezione sarà preceduta da una presentazione a cui parteciperanno la regista Paola Randi e i produttori Angelo e Matilde Barbagallo che costituirà l’occasione per comprendere il dietro le quinte dell’ideazione di un film di quest’anno, che si caratterizza per l’originalità.

Il 10 settembre sarà la volta del cinema americano con “Arrival”, un film di Denis Villeneuve che è ormai un classico del genere fantascientifico più attuale. Incentrato sul rapporto con l’alieno e sulla necessità di trovare un linguaggio comune, la pellicola sarà preceduta da un incontro con Jader Monari, responsabile della Stazione Radioastronomica di Medicina, Bologna, dell’Ira -Istituto Nazionale di Astrofisica, , in cui si toccheranno i temi della ricerca di segnali di vita nell’Universo.

buchi neri saranno i protagonisti nell’appuntamento del 12 settembre; la proiezione del celebre film statunitense Interstellardi Christopher Nolan sulla drammatica ricerca di un mondo abitabile alternativo alla Terra, sarà preceduta dall’incontro con l’esperta Viviana Fafone, dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.

Il 14 settembre sarà la volta di Passengers, per la regia di Morten Tyldum, e dei viaggi interstellari. Le difficoltà dei viaggi di lungo periodo nello Spazio verranno affrontate da Gabriele Mascetti, esperto dell’Agenzia Spaziale Italiana nella presentazione che precederà il film.

L’incursione nella fantascienza si concluderà il 21 settembre con un appuntamento all’Auditorium dell’Agenzia Spaziale Italiana per la proiezione de “L’arrivo di Wang”, dei fratelli Manetti. I registi, Marco e Antonio Manetti, saranno presenti per commentare, al termine della visione, la svolta inaspettata di un film enigmatico. Con loro, il critico cinematografico Marco Spagnoli e l’astrofisico Amedeo Balbi che trarrà lo spunto per parlare dei misteri insoluti del cosmo. L’evento fa parte delle proiezioni Asi di #SpazioCinema. L’ingresso sarà libero fino ad esaurimento dei posti.

Stampa/PDF
Avvistamenti, il cinema a Roma guarda lontano