Bandiera blu 2019: un nuovo ingresso per la Sardegna

Stampa/PDF

La Foundation for Environmental Education (FEE) ha da poco assegnato ufficialmente le Bandiere Blu 2019 ai Comuni della Riviera e agli approdi turistici, in una cerimonia istituzionale tenutasi a Roma, alla presenza dei sindaci delle località, presso la sede del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).

In testa tra le regioni c’è sempre la Liguria, con ben 30 località riconosciute, seguita in ordine decrescente dalla Toscana, la Campania, le Marche e la Sardegna, che quest’anno vanta 14 località insignite della Bandiera Blu, di cui 13 già premiate in passato. Otto si trovano nel Sassarese e in Gallura: Badesi, Trinità d’Agultu e Vignola, Santa Teresa Gallura, La Maddalena, Palau, Castelsardo, Sorso, Porto Ferro; in provincia di Oristano troviamo Torre Grande; nel Nuorese, Tortolì e Bari Sardo; poi Mare Pintau al Poetto di Quartu Sant’Elena e infine Porto Tramatzu a Teulada, nel Sud della Sardegna. Quest’anno l’isola potrà inoltre sfoggiare un nuovo ingresso, grazie all’aggiunta nella lista della suggestiva spiaggia di Maladroxia, nell’Isola di Sant’Antioco.

La spiaggia di Maladroxia, new entry del 2019, è un vero e proprio paradiso della natura, consta di circa 500 metri di sabbia bianca, a tratti fine e a tratti caratterizzata dalla presenza di ciottoli, che bacia un mare limpido e cristallino, che va dal verde smeraldo al turchese. La spiaggia di Maladroxia è la meta ideale per i surfisti, per la frequente presenza di vento che la contraddistingue, ma anche per gli amanti della pesca subacquea.

Con la stagione estiva ormai alle porte, non c’è migliore occasione di questa per visitare il territorio e le spiagge sarde, raggiungendo l’isola comodamente con il traghetto, per usufruire di costi più vantaggiosi e competitivi rispetto agli altri mezzi di trasporto. Traghetti Sardegna: le offerte dell’estate sono tantissime e la scelta del traghetto permette di valersi di partenze adeguatamente distribuite durante tutto l’arco della giornata, grazie ad aziende come Moby, che collega la città di Olbia con i porti di Genova, Livorno, Piombino e Civitavecchia. Nonostante la Gallura abbia perso tre Bandiere Blu, la Sardegna si è comunque distinta positivamente anche quest’anno tra le altre regioni per l’invidiabile risultato raggiunto, grazie alle sue spiagge pulite e ai servizi di qualità.

La FEE infatti designa ogni anno con il titolo di Bandiera Blu le località costiere che soddisfano i criteri di qualità delle acque e dei servizi offerti ai turisti, prendendo in considerazione in particolar modo la pulizia delle spiagge e gli approdi turistici, in sinergia con l’Arpa (Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente), il Ministero della Salute e il Ministero dell’Ambiente. In questa 33/a edizione, la Fondazione ha premiato con la Bandiera Blu 2019 ben 385 spiagge e 72 approdi turistici.

Stampa/PDF
Bandiera blu 2019: un nuovo ingresso per la Sardegna