Barcolana

Stampa/PDF

Quinto assoluto all’arrivo e terzo di categoria: si classifica così il team Safilens – AnyWave alla 49^ edizione della Barcolana, tenutasi a Trieste. 

La più affollata regata del mondo, con ben 2101 barche iscritte, si conclude per Safilens, sponsor ufficiale del maxi yacht AnyWave insieme a Cantina Produttori Cormons, con un bilancio al di là di ogni aspettativa e con un enorme successo riscontrato sia in mare sia a terra. Oltre che durante la competizione vera e propria, infatti, l’azienda italiana di contattologia ha avuto la possibilità di promuovere il proprio brand con uno stand dedicato all’interno del Villaggio Barcolana, area espositiva allestita lungo le rive di Trieste che ogni anno fa da cornice alla regata ospitando partner, negozi e ristoranti.

Il progetto Safilens – AnyWave nasce dall’incontro di due realtà che fondano il proprio successo sulla dedizione, sulla competenza e sulla voglia di fare di chi compone il team”, commenta Daniele Bazzocchi, General Manager Safilens. “Siamo davvero entusiasti del risultato ottenuto alla Barcolana e delle sinergie straordinarie che questa partnership ha generato finora”.

La stagione agonistica di AnyWave proseguirà con la partecipazione al Venice Hospitality Challenge e alla Veleziana di Venezia.

A proposito di AnyWave

AnyWave è un’imbarcazione da regata di 64 piedi che nasce dallo studio dell’architetto argentino German Frers, uno dei più noti progettisti mondiali degli ultimi decenni (Moro di Venezia, Luna Rossa, Stealth). Costruita nel 2000 ed interamente in fibra di carbonio, nel 2015 è stata ristrutturata dagli attuali armatori con la supervisione dello skipper Alberto Leghissa, pluricampione e manager del team. Il coinvolgimento di Paul Cayard, un mito della vela mondiale (Olimpiadi, coppa America, tre giri del mondo) ha permesso di ottimizzare le performance di barca ed equipaggio.

Per le sue avanzate tecnologie costruttive e le sue dotazioni AnyWave è una barca adatta a competizioni agonistiche d’altura a cui gli armatori partecipano con specifici programmi per l’Adriatico e il Tirreno.

Stampa/PDF
Barcolana