Be Kind

Stampa/PDF

Un viaggio gentile attraverso il mondo della diversità. Questo è Be Kind, il film del regista emergente Nino Montelelone, e di sua madre, l'attrice Sabrina Paravicini.

Nino ha 12 anni. Da piccolissimo gli diagnosticano la sindrome di Asperger, un disturbo pervasivo dello sviluppo riconducibile allo spettro autistico. Non presenta compromissioni dell'intelligenza, della comprensione e dell'autonomia bensì spicca per la sua estrema creatività.

Un giorno, mentre guardano insieme un documentario sull'autismo, Sabrina chiede Nino di raccontare la sua diversità e di incontrare altre persone che vivono condizioni simili alla sua. Be Kind passa presto dall'idea all'azione e diventa un lungometraggio sulla diversità in ogni sua declinazione - fisica, psichica, di razza, di religione, di condizione e di genere – vista con gli occhi di chi sa ancora apprezzare la bellezza, oltre stereotipi e convenzioni.

"Sin dal principio, abbiamo accolto con entusiasmo il progetto di Nino, decidendo di offrire il nostro supporto pro bono. – spiega Giorgio Giordani, Presidente di Spencer & LewisE' un ragazzo brillante e creativo: a soli dodici anni ha già scritto un romanzo e sta girando un film, ha fatto della sua diversità un valore aggiunto. Come lui anche Beethoven, Einstein, Van Gogh, Andy Warhol, Steven Spielberg e Steve Jobs soffrivano di una forma di autismo. Il nostro obiettivo è aiutare Nino a portare a termine le riprese di Be Kind perché abbiamo ancora bisogno di storie eccezionali come queste".

Spencer & Lewis, agenzia di PR e comunicazione integrata guidata da Giorgio Giordani e Massimo Romano e associata a PR HUB di Assocom, grazie ad una attenta strategia di PR & Media Relations, supporterà il progetto, aiutando Sabrina e Nino a mettere insieme i fondi e "la gentilezza" necessari a portare a termine il progetto. Sarà attiva fino al 14 aprile 2018, anche una campagna di crowdfunding su Indiegogo.com.

Stampa/PDF
Be Kind