Blockchain per la Sanità

Stampa/PDF

Blockchain per la Sanità, potrebbe suonare inedito a chi conosce l’ormai celebre “catena dei blocchi” solo come la tecnologia alla base delle criptovalute; in realtà, le sue caratteristiche chiave, ovvero la decentralizzazione, trasparenza, sicurezza e immutabilità, rendono la Blockchain il nuovo paradigma tecnologico destinato a cambiare per sempre la Sanità.

Blockchain per la Sanità: la tracciabilità dei farmaci
Argomento al centro dell’evento “Blockchain in Sanità: sicurezza, trasparenza e democrazia dei dati” presso l’Istituto Superiore di Sanità, dedicato ai maggiori esperti del settore per un dibattito sulle possibili soluzioni che questa tecnologia può offrire alle problematiche che affliggono i Sistemi Sanitari Nazionali di tutto il mondo: dalla gestione sicura dei dati dei pazienti, alla contraffazione dei farmaci fino alla tracciabilità dei dati nell’ambito della ricerca.

Andrea Tortorella, Ceo di Consulcesi Tech, divisione tecnologica del Gruppo Consulcesi, realtà leader in Europa dedicata ai professionisti del settore medico sanitario, spiega durante la tavola rotonda dal titolo “A chi è utile la Blockchain?”: «L’Italia ha il dovere di essere capofila di questa rivoluzione tecnologica, perché il nostro Sistema Sanitario Nazionale è costantemente sotto pressione anche a causa del progressivo invecchiamento della popolazione».

Blockchain per la Sanità: identità digitale del paziente
«Sono necessari nuovi modelli tecnologici per la presa in cura delle persone – sottolinea Andrea Tortorella – e basti pensare che, grazie alla Blockchain, si potrà verificare l’identità digitale del paziente, tenere traccia della cronologia delle prescrizioni mediche, delle somministrazioni di farmaci e della relativa assunzione delle terapie. Attraverso gli smart contract, ad esempio – spiega Tortorella – l’intero panorama dei dispositivi sanitari indossabili potrebbe compiere un salto di qualità, dal punto di vista della protezione dei dati prodotti, ad oggi inimmaginabile, e, a breve, convalidare anche l’identità dei fornitori sanitari e dei farmaci, contrastando così frodi e contraffazioni, sarà una possibilità concreta».

«Proprio il tema della tracciabilità del farmaco – prosegue Andrea Tortorella - viene trattato anche nel Master in “Blockchain ed Economia delle criptovalute”, che stiamo lanciando con la Link Campus University, e nel bestseller “Cripto-svelate. Perché da Blockchain e monete digitali non si torna indietro” (Paesi Edizioni) già ai vertici delle classifiche di vendita su Amazon e IBS». «Domani porteremo la nostra expertise anche all’evento della Casaleggio Associati ‘Come la Blockchain rivoluzionerà il modo di operare delle imprese’ che avrà luogo a Milano e di cui siamo partner, grazie anche al nostro progetto “ConsulCoin Cryptocurrency Fund”, il primo fondo d'investimento EU regolato dedicato a cryptocurrency e tecnologia Blockchain del quale Consulcesi Tech è lead advisor».

Stampa/PDF
Blockchain per la Sanità