Bob Krieger - Sguardi del Pensiero e dell’Anima

Stampa/PDF
Tracciare la storia di un’epoca gloriosa in cui la creatività, l’eccellenza, l’inventiva, l’estro, la fantasia, la capacità, l’ingegnosità e il talento hanno dato vita a quel Made in Italy unico al mondo che è il vessillo dello stile inconfondibile di un Paese che trova nella sua genialità l’humus su cui reinventare e reinventarsi continuamente. Bob Krieger non smette di osservare i volti di un’Italia che lui, apolide come ama definirsi, ha scelto come patria ideale da tanti anni. E dopo il grande successo della personale a Milano a Palazzo Reale nel 2011, torna con una nuova mostra in una cornice altrettanto unica e prestigiosa: la Reggia di Monza.

È  qui che fino al 1 luglio, negli spazi dell’Orangerie, sarà presentata la mostra “Bob Krieger - Sguardi del Pensiero e dell’Anima”, promossa dalla Reggia di MonzaImago Art Strategies Lugano, con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività CulturaliRegione Lombardia e Comune di Monza e la partecipazione in qualità di main sponsor di Topcolor Dream e degli sponsor Fondazione Bracco e Dompé Farmaceutici. Un evento per celebrare, ricordare e sublimare la straordinaria genialità italiana attraverso personaggi che, a vario titolo, hanno fatto grande il Bel Paese. Una galleria di 140 nomi, noti, notissimi e meno noti, tutti scelti e ritratti dal grande maestro con il suo occhio sempre ironico e spesso irriverente per raccontare un frammento di storia passata, presente o futura.

L’artefice di un’impresa così ambiziosa non poteva che essere il maestro del ritratto per antonomasia: davanti al suo obiettivo è passata l’Italia che conta degli ultimi 50 anni. Bob Krieger ha ritratto personalità di ogni campo, dalla politica alla scienza, dall’industria allo sport, dalla moda all’arte, dall’architettura allo spettacolo.

L’impegno personale di queste illustri personalità ha rappresentato per l’Italia uno strumento di promozione senza eguali: nomi prestigiosi che, messi assieme, formano un libro di storia.

Una mostra che stupirà il visitatore anche per il suo allestimento: la galleria dei volti si snoda in una successione di cubi sospesi che compongono il simbolo del Dna proprio perché il pubblico possa immergersi in una visione fantastica.

È dunque la grande e vincente capacità degli italiani il filo rosso di questo evento, che offre un esplicito richiamo simbolico al DNA, “scrigno” di cotanto estro, nell’allestimento dal forte impatto visivo: cubi sospesi con sopra impressi i volti dei protagonisti della mostra creano una spettacolare struttura “fuori dagli schemi”, una sorta di caleidoscopio gigante per un colpo d’occhio unico e mai visto prima, pensato proprio per stupire e coinvolgere il visitatore.

La mostra sarà allestita presso l’Orangerie (chiamata anche citroneria) della Villa Reale di Monza proprio mentre il roseto annesso sarà in piena fioritura. Una primavera sensoriale, ma anche simbolica, dove la speranza che l’età dell’oro - che ha contraddistinto questo Paese per anni - torni a far brillare la nostra penisola sprigiona il profumo delle rose in fiore e ci rammenta quanto custodire pensieri e anima sia importante per poter apprendere, tramandare e porre dunque le basi per fiorire e tornare a splendere.

La mostra è sostenuta da Topcolor Dream (main sponsor) e da Fondazione Bracco e Dompé Farmateutici (sponsor).

Stampa/PDF
Bob Krieger - Sguardi del Pensiero e dell’Anima