Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli

BOOMing Contemporary Art Show: quando l'ambiente ed i femminismi diventano arte

Stampa/PDF

Durante l’Art Week 2020 presso lo spazio DumBo a Bologna, si terrà BOOMing Contemporary Art Show dal 23 al 26 gennaio.

Una fiera di arte contemporanea dove artisti emergenti e caposaldi della scena nazionale ed internazionale esporranno le loro opere, trattando due emergenze della realtà contemporanea: Le tematiche ambientali ed i “femminismi”.

BOOMing Contemporary Art Show
L’evento è stato organizzato e prodotto dalla Doc Creativity, la più grande cooperativa italiana nel campo dell’arte che mette in contatto gli artisti, creando una grande rete di scambio e interconnessione culturale.

La direzione artistica di è affidata a Simona Gavioli critica d’arte e curatrice indipendente.

Simona esperta di arti visive contemporanee, capace di fonderle e mixarle grazie alla sua esperienza nel campo artistico, ci racconta come nasce l’impellenza e la necessità di trattare due temi così importanti.

I “femminismi” a cui è dedicata la sezione SOLO Show, si declina al plurale perché la tematica della donna nel mercato dell’arte e quindi la sua interpretazione, si sviluppa in più sfaccettature, in molteplici visioni stratificate.

La figura femminile nella percezione degli altri attira una pluralità di approcci e contraddizioni.

Qual è l’immagine che si vuole dare della donna in questo evento?
“Non si vuole dare un'unica immagine della donna, ognuno la vede come meglio crede, o come gli è stato insegnato(..). Sicuramente vorremmo darle tante immagini, che abbiano come base comune: l’uguaglianza, il rispetto e lo spostamento della visione della donna dal solo corpo erotico, immagine di cui è stata vittima nei secoli ed è tuttora.  

Questa immagine sbagliata comporta che la donna non venga vista come essere pensante, come essere che “fa”, come madre che lavora, studia ed ha un’indipendenza economica, ma subisca la visione di puro contenitore.
Seppur può sembrare scontato ma non lo è, vorremmo dare una visione di donna al pari dell’uomo.

L’arte è un grande strumento capace di raccontare delle cose che succedono, attraverso il mezzo più semplice e cioè la bellezza. 

Cosi come l’emergenza ambientale, anche la donna oggi è una grande emergenza. Vorremmo raccontare come si sta massacrando la nostra madre terra ma anche la figura femminile. “

Tra i personaggi di rilievo che prenderanno parte all’evento, ricordiamo due artiste di grande spicco internazionale: Letizia Battaglia fotografa, regista, ambientalista e molto altro. I suoi scatti hanno fatto il giro del mondo tra ambiti riconoscimenti e la consacrazione all’eternità delle sue opere fotografiche.

Silvia Levenson artista contemporanea e attivista politica argentina, vive in Italia da quarant’anni. Attraverso le sue opere in vetro esprime tutta la sua arte, elemento fragile ma allo stesso tempo forte e tagliente proprio come la natura del suo messaggio.

Da segnalare anche la presenza di artiste come: Mad Meg, Elyse Galiano, Alessandra Baldoni, Mirijam Heiler,Alketa Delishaj, Giovanna Lacedra, Giulia Lazzaron e Silvia Naddeo, donne che hanno dedicato al tema femminile il cuore della loro arte. 

La Main Section dedicata alla tematica ambientalista, riesce a rappresentare la sua verità grazie alla capacità espressiva dell’arte. L’arte infatti si traveste con un abito green per raccontarci la cruda verità.

Ma soprattutto il carattere di urgenza di queste grandi emergenze.

Dalla teoria alla pratica
Dalla teoria alla pratica, grazie ad una serie di attività concrete e per dare un segnale forte verso lo sviluppo di una mentalità ecologica, saranno allestiti degli “ecopunti” per la raccolta differenziata, dei distributori dell’acqua per limitare l’uso della plastica e tutte le stoviglie del catering saranno in materiale riciclabile.

Uno sguardo anche alle nuove generazioni grazie al progetto Kinder BOOMing per avvicinare sempre di più i giovani al tema ambientale e condividere tutte le piccole azioni, che possono innescare il processo di cambiamento verso una visione ecologica.

Lo stesso spazio scelto per la manifestazione rappresenta un simbolo di “rinascita”. Il DumBO è un ex scalo ferroviario riportato a vita e divenuto un luogo di scambio culturale e sede di manifestazioni, idee, cultura e vita in continuo movimento.

Tutta la mostra si pone come una “deflagrazione artistica” dove l’arte esplode per portare in superfice la realtà delle cose, un BOOM che si fa sentire attraverso la forza del messaggio, tutto in un divenire continuo (ing), di cambiamento e scambio culturale.

L’essenza di BOOMing Contemporary Art Show è la capacità di comunicare in maniera dirompente, temi comuni, contemporanei, urgenti di grandissima attualità.
Stampa/PDF
BOOMing Contemporary Art Show: quando l'ambiente ed i femminismi diventano arte