BRUXIANUM FESTIVAL: TRA MUSICA E TRADIZIONI POPOLARI

Stampa/PDF

La manifestazione cade a conclusione della festa dei Gigli di Brusciano, il 28 agosto e si svolgerà alle 21.30 nella piazza 11 settembre che in questi anni ha ospitato numerose manifestazioni culturali diventando un po' il cuore artistico del paese. Il festival è alla sua quinta edizione

Anche Quest'anno si svolgerà a Brusciano il Bruxianum Festival, manifestazione musicale che arricchisce il panorama artistico e culturale della provincia partenopea. Il territorio della provincia di Napoli specie quello a ridosso della zona nolana ha sempre vantato una ricca tradizione musicale legata alle feste popolari, che nel corso dei secoli si sono mutate in veri appuntamenti caratteristici di una certa cultura e tradizione dal ricco significato allegorico e folcloristico. Brusciano, come Nola, ha sviluppato una propria festa dei gigli (le peculiari strutture in legno alte svariati metri su cui campeggia il santo patrono del paese o - per quanto riguarda Brusciano - Sant'Antonio da Padova a cui è attribuito un miracolo proprio nel territorio bruscianese). Queste strutture rivestite da vere perle artistiche di cartapesta, realizzati da veri e propri mastri artigiani, sfilano per il centro storico tra musica, danza e partecipazione popolare. A questa tradizionali feste popolari, sparse sul territorio della provincia di Napoli, si sono uniti nel corso degli anni numerosi festival culturali dedicati alla musica; tra i più famosi possiamo ricordare il Pomigliano Jazz Festival. Il musicista Rocco Di Maiolo presidente dell'Accademia della Musica e riconosciuto saxofonista di fama nazionale, con il patrocinio del comune di Brusciano ha legato alla festa dei gigli una manifestazione musicale che può, a pieno diritto, classificarsi come una vera è propria festa della musica: il Bruxianum Festival. Al pari degli altri festival musicali il Bruxianum festival fornisce ai giovani musicisti una vetrina per esprimere la loro creatività e mostrare il loro talento. La manifestazione cade a conclusione della festa dei Gigli di Brusciano, il 28 agosto e si svolgerà alle 21.30 nella piazza 11 settembre che in questi anni ha ospitato numerose manifestazioni culturali diventando un po' il cuore artistico del paese. Il festival è alla sua quinta edizione: “Abbiamo pensato – Afferma Rocco Di Maiolo – a regalare ai nostri giovani una vetrina in cui esibirsi e mostrare il loro talento, ma senza farli competere tra loro, infatti la manifestazione è priva di una vera e propria gara, abbiamo voluto renderla una festa della musica e non una competizione, questa è una delle caratteristiche del nostro festival”. Durante la manifestazione si esibiranno vari artisti emergenti, tra cui gli studenti dell'accademia stessa, la serata sarà dedicata completamente alla musica. Un'iniziativa che vuole consegnare al territorio bruscianese e vesuviano uno spazio in cui la musica sia ispiratrice e aggregante così da regalare una emozionante serata sia ai giovani coinvolti nella manifestazione che al pubblico. Queste le classi che si esibiranno nel corso della serata; Sax sotto la guida del Maestro Rocco Di Maiolo (alievi - Esterino Esposito - Giuseppe Mercogliano - Rocco Ruggiero - Antonio D’Amore - Luigi Pannone -Francesco Capasso -Michele Salzano Gianluca Coppala - Gianluigi Loregio - Biagio Meo - Lorenzo Esposito); Classe di Canto sotto la direzione dei maestri Marilena Mirra – Enrica Di Martino (allievi - Marianna Nappo - Milena Rega - Maria Castaldo - Pasquale Di Pietroantonio - Pieroantonio Guerriero - Ismene Panacea - Francesco Di Lorenzo - Rosa Guerriero - Teresa Sodano - Raffaele Cerciello - Antonio Auriemma); Classe Batteria i maestri Mario Gervasio – Claudio Romano (Allievi - Alessio Caccia - Giuseppe Granato - Silvio Buonifacio - Salvatore Dragone - Luca Iliano - Giuseppe D’Amore). Durante la manifestazione interverranno anche una serie di musicisti che saranno ospiti del Festival: Piero Palumbo cantante, Salvatore Abete batteria Costantino Artiaco basso, Giuseppe Spinelli chitarra.

Alessandro Cavaliere

Stampa/PDF
BRUXIANUM FESTIVAL: TRA MUSICA E TRADIZIONI POPOLARI