Campania: le aree logistiche integrate

Stampa/PDF

Istituire le Aree Logistiche Integrate (ALI) per definire una strategia all’interno di un sistema regionale costituito da una o più infrastrutture portuali, interporti o piattaforme logistiche di riferimento e le relative connessioni ai corridoi multimodali della rete di trasporto.

Questa l’indicazione che l’Italia recepisce nell’Accordo di Partenariato con la Commissione Europea per la programmazione nelle Regioni Obiettivo “Convergenza”, e che in Campania si traduce con il Primo incontro con il Partenariato Economico del Tavolo Tecnico dell’Area Logistica Integrata Campana, che si terrà domani, mercoledì 12 aprile 2017, a partire dalle ore 14, a Palazzo Armieri in via Nuova Marina.

Promosso dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e dalla Regione Campania, con la collaborazione dei porti di Napoli e Salerno, dell’Agenzia per la coesione Territoriale, di RFI e con la partecipazione dei principali rappresentanti del tessuto produttivo locale e degli operatori della logistica, il Tavolo Tecnico riunisce in un confronto operativo i diversi attori di ciascuna delle cinque Regioni Convergenza nella logica del “fare sistema”.

Introdurranno i lavori: Luca Cascone, Presidente della Commissione Consiliare Trasporti della Regione, e Margherita Migliaccio, della Direzione Generale Programmazione del MIT.

Fra i partecipanti al Tavolo tecnico: Amedeo Lepore, Assessore alle Attività Produttive della Regione Campania; Pietro Spirito, Presidente Autorità di Sistema Portuale Mar Tirreno Centrale; Sergio Iasi, Amministratore Delegato Interporto Campano. Concluderà i lavori Maria Grazia Falciatore, Responsabile Programmazione Unitaria della Regione Campania.

Stampa/PDF
Campania: le aree logistiche integrate