Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli

Consiglio UE: rafforzare le frontiere esterne

Stampa/PDF

"Rafforzare le nostre frontiere esterne comuni, rafforzando i controlli alle frontiere è un mezzo importante per combattere il terrorismo e proteggere la sicurezza dei cittadini europei", ha detto Klaas Dijkhoff, Ministro delle questioni migratorie dei Paesi Bassi.

La proposta obbliga gli Stati membri di effettuare controlli sistematici su tutte le persone, comprese le persone che godono del diritto di libera circolazione ai sensi del diritto dell'Unione (cioè cittadini dell'Unione e dei loro familiari che non sono cittadini comunitari) quando attraversano la frontiera esterna contro banche dati su Lost e documenti rubati, nonché per verificare che tali persone non costituiscono una minaccia per l'ordine pubblico e la sicurezza interna. Questo obbligo si applica a tutte le frontiere esterne (aria, mare e frontiere terrestri), sia in entrata e uscita.

Tuttavia, se una consultazione sistematica delle basi di dati su tutte le persone che godono del diritto di libera circolazione ai sensi del diritto dell'Unione potrebbe portare ad un impatto sproporzionato sul flusso di traffico alla frontiera mare e di terra, gli Stati membri possono effettuare mirati solo controlli contro basi di dati, a condizione che una valutazione del rischio dimostra questo non comporta rischi connessi con la sicurezza interna, l'ordine pubblico, le relazioni internazionali degli stati membri o di una minaccia per la salute pubblica.

Per quanto riguarda le frontiere aeree, il Consiglio ha convenuto che gli Stati membri possono utilizzare questa possibilità, ma solo per un periodo transitorio di sei mesi dalla data di entrata in vigore del regolamento modificato.

Stampa/PDF
Consiglio UE: rafforzare le frontiere esterne