Cooperazione internazionale contro la Xylella fastidiosa

Stampa/PDF

Il COI, Consiglio Oleicolo Internazionale, ha pubblicato le conclusioni del seminario su Xylella fastidiosa, organizzato alla fine di novembre a Bari. L'obiettivo della riunione era quello di analizzare la situazione attuale del parassita e proporre raccomandazioni per prevenire e combattere il parassita.

Le principali conclusioni della riunione sono state "la necessità di rafforzare la cooperazione tra i paesi a livello scientifico, tecnico e politico; creare un forum per lo scambio di informazione e di sostegno dei laboratori in "quarantena" dei paesi membri al fine di garantire la non proliferazione di batteri delle piante e muovendo verso un processo di certificazione dei vegetali destinati al commercio internazionale".

I rappresentanti delle varie agenzie nazionali e internazionali coinvolti hanno inoltre raccomandato il rafforzamento della cooperazione tra il COI e le entità che gestiscono questa ricerca sui parassiti. Così, il CIHEAM (Centro internazionale di alti studi agronomici mediterranei), FAO, EPPO (europea e mediterranea per la protezione delle piante) e il CNR (Consiglio di Ricerca Italiani) hanno invitato il COI a contribuire al lavoro di uno specifico comitato chiamato XF-ACTORS.

Abdellatif Ghedira, direttore del COI, ha sottolineato che la Xylella fastidiosa è una delle priorità del Segretariato del Consiglio. Per lei, come per altre questioni nel settore delle olive, è essenziale la cooperazione e lo scambio di conoscenze internazionali ".Nel corso della riunione, i partecipanti hanno potuto osservare sul terreno l'impatto delle infestazioni e dei sintomi, la familiarità con le tecniche di analisi di materiali e insetti vegetali vettori ed esaminare i risultati del test di tolleranza, la resistenza di diverse varietà di olive.

Gli altri partecipanti sono l'ANSES (Agenzia francese per la sicurezza Sanitiaria e alimentare), CREA (Consiglio Italiano per la Ricerca in Agricoltura), il CRSFA (Centro Italiano di Ricerca, Sperimentazione e Formazione), l'Università di Foggia, la Direzione generale per la Sanità e sicurezza alimentare e l'Università della Basilicata.

L’obiettivo principale del comitato chiamato XF-ACTORS è finalizzare azioni di ricerca e innovazione che migliorino la prevenzione, la diagnosi precoce e il controllo della Xf sotto condizioni fitosanitarie diverse (“zone sane”, “zone cuscinetto” e “zone infette”), e massimizzino l’impatto dei programmi di ricerca UE assicurando il coordinamento e l’integrazione tra i gruppi e le reti con ampia esperienza e/o coinvolti in programmi di ricerca internazionali sulla Xf.

Gli obiettivi specifici sono:

- Migliorare le misure preventive consolidando le competenze e la consapevolezza delle agenzie per la salute delle piante, i decisori e i principali stakeholder.

- Sviluppare tecniche per la diagnosi precoce dei sintomi della Xf dal livello di singola foglia a livello  territoriale.

- Colmare le lacune della ricerca su biologia della Xf, genetica della popolazione e meccanismi di interazione con l’ospite, nonché su bioecologica del sistema xilema-linfa, per identificare i processi di trasporto e trasmissione della Xf.

- Formulare strategie di gestione innovative e stabilire un sistema integrato di approcci sostenibili che minimizzino i costi economici, ambientali e sociali delle infezioni da Xf nel territorio dell’UE.

- Integrare i risultati della ricerca per sviluppare strumenti di quantificazione del rischio a scala regionale.

- Creare una piattaforma per la diffusione, la comunicazione e il trasferimento dei risultati tra i vari attori coinvolti.

I risultati attesi sono:

- Rafforzamento delle misure preventive attraverso la promozione di azioni integrate per una risposta efficace contro la diffusione della Xf Sviluppo di programmi di diagnosi precoce e monitoraggio efficaci.

- Ampliamento delle conoscenze sulla biologia, genetica e interazione di patogeno e ospite.

- Ampliamento delle conoscenze sulla biologia ed ecologia  del vettore e sul suo ruolo nell’epidemiologia della malattia.

- Sviluppo di strategie di gestione sostenibili al fine di ridurre gli impatti economici, ambientali e sociali.

- Integrazione dei dati della ricerca sulla Xf e realizzazione di valutazioni sul rischio regionale della malattia.

Stampa/PDF
Cooperazione internazionale contro la Xylella fastidiosa