Corsica: un’isola tra storia e bellezza

Stampa/PDF

Le isole del Mediterraneo sono rinomate non solo per la loro bellezza davvero mozzafiato ma soprattutto per tutto quello che ha da offrire sia per i turisti ma anche  per chi ci vive quotidianamente; però in poche possono vantare una storia e una tradizione secolare come la Corsica.  Quarta isola per grandezza del Mar Mediterraneo, essa si presenta come un territorio estremamente dedicato al turismo. Non a caso, nei periodi estivi, la sua popolazione tende a raddoppiare. Quali sono gli aspetti principali di quest’isola? Come è possibile raggiungere la Corsica? Qual è la sua storia?

Come arrivare in Corsica

L’isola è facilmente raggiungibile attraverso diversi mezzi di trasporto:

- Aerei: con i suoi quattro aeroporti internazionali (Ajaccio, Bastia, Calvi e Figari), l’isola è ben collegata e quindi facilmente raggiungibile

- Traghetti: in alternativa, per un viaggio più suggestivo, la Corsica è raggiungibile ance via mare con navi e traghetti. Online è possibile acquistare e confrontare i prezzi dei traghetti e approfattare di imperdibili offerte

Storia e nascita della Corsica

Secondo una leggenda ormai andata a consolidarsi col tempo, uno dei primi nomi dell’isola fu dato dai Greci che la denominarono Kalliste (dal greco: la più bella). In seguito, la Corsica è stata crocevia di rotte e di culture diverse che si sono sempre più insediate all’interno delle tradizioni dell’isola. Greci, Liguri, Fenici, Etruschi, Romani, Vandali, Bizantini, Pisani, Aragonesi, Genovesi e Francesi si sono, nel corso degli anni, susseguiti come padroni dell’isola.

Economia e turismo                                 

Inutile dire che la maggior fonte d’entrate per l’economia della Corsica sia il turismo ma quali sono le offerte turistiche di quest’isola?

- Bellezze naturali: la Corsica è una delle mete turistiche più ambite per i suoi paesaggi e i suoi ambienti. L’interno dell’isola presenta un vero e proprio paradiso per gli amanti della natura più selvaggia. Luogo simbolo dell’entroterra della Corsica è certamente la Valle del Tavignano con il Lago di Nino dove trova origine il fiume omonimo della valle. Un colpo d’occhio spettacolare che, con le montagne della Restonica sullo sfondo, rende il tutto una vera e propria opera d’arte per gli occhi.

Le coste: Nella Corsica del Nord e nella Corsica del Sud abbiamo alcune delle più suggestive spiagge dell’intero Mar mediterraneo tra cui la celebre Palombaggia caratterizzata da sabbia bianca e rocce rosa ma senza dimenticare la meravigliosa costa frastagliata della cittadella arroccata di Bonifacio.

- Borghi: l’entroterra della Corsica non è solo natura allo stato puro ma anche borghi. Su tutti abbiamo il borgo medievale di Sarténe. Il motto della cittadella parla chiaro: “la più corsa delle città corse” quindi un vero e proprio vanto per una delle culle delle tradizioni isolane. Un labirinto di piccole stradine che di certo affascinerà tutti.

- Riserve naturali: I patrimoni maggiori della Corsica sono sicuramente le riserve naturali come ad esempio la Riserva Naturale di Scandola, Patrimonio UNESCO.                                 

La Corsica si presenta come un’isola tutta da scoprire e bisogna, certamente, prendersi il proprio tempo per poterla “assaporare” completamente ma non è un territorio adatto per poter viaggiare in macchina vista la numera presenza di strade di montagna e vicoli molto stretti e caratteristici soprattutto nell’entroterra. Insomma, la possiamo definire come un’isola veramente unica all’interno del Mar Mediterraneo.

Stampa/PDF
Corsica: un’isola tra storia e bellezza