Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli

Crolli autostrade: l'A6 Savona Torino

Stampa/PDF

È stato un weekend nero per l'Italia quello che si da poco concluso. Il protrarsi del maltempo ha provocato disagi lungo tutto lo stivale mentre in Liguria si è sfiorata la tragedia con il crollo dell'autostrada A6 Savona-Torino all'altezza del viadotto Madonna del Monte. I piloni del viadotto sarebbero crollati sotto il peso della frana originatasi dalla montagna vicina. Torna così ad aleggiare lo spettro del dissesto idrogeologico in Italia. Secondo l'ultimo Rapporto ISRPA, il 91% dei Comuni italiani sarebbe a rischio idrogeologico, un rischio che coinvolge ben 7 milioni di italiani.

La cronaca

Domenica 24 novembre una parte del viadotto Madonna del Monte, sito sull'autostrada A6 Savona-Torino, è crollato lasciando un vuoto di 30 metri nella carreggiata. Con ogni probabilità, il crollo dell'autostrada è stato causato da una frana distaccatasi dal versante montuoso che costeggia il tratto stradale. Una massa di fango pari a due metri che avrebbe urtato i piloni facendoli cedere. Fortunatamente, al momento del crollo non vi erano veicoli in transito e non si è registrato nessun morto e nessun ferito. Tutt'altra storia rispetto al crollo del ponte Morandi di Genova, avvenuto il 14 agosto 2018, che provocò la morte di 43 persone e lo sfollamento di altre 566. E parlando di crolli di autostrade non può non venire alla mente il viadotto sull'autostrada Palermo-Agrigento, sprofondato la notte del Capodanno 2015, una settimana dopo l'inaugurazione.

il crollo del viadotto sulla A6 non ha provocato nessun morto né ferito

Il rischio idrogeologico in Italia

Il crollo dell'Autostrada A6, causato da una frana, riporta alla ribalta la questione del dissesto idrogeologico in Italia. Forse dovremmo parlare di problema, stando ai dati trasmessi dal rapporto stilato dall'Ispra, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. Il documento, aggiornato al 2018, che prende in esame la pericolosità di frane e alluvioni sul territorio nazionale e gli indicatori di rischio per popolazione, famiglie, edifici, imprese e beni culturali, scatta una fotografia per niente tranquillizzante.

Con 620.808 frane che hanno interessato un'area di 23.700 chilometri quadrati, l'Italia si è classificata tra i primi Paesi in Europa a essere interessati da fenomeni franosi. Un terzo delle frane sono a cinematismo rapido, sono, cioè, fenomeni caratterizzati da velocità elevate, elevata distruttività e con alto tributo di vite umane.

La Toscana, Emilia-Romagna, Campania, Valle d'Aosta, Abruzzo, Lombardia, Sardegna e la Provincia Autonoma di Trento hanno le superfici più estese con pericolosità P3 (elevata) e P4 (molto elevata). Emilia-Romagna, Toscana, Lombardia, Piemonte e Veneto, invece, le Regioni con superfici più vaste a pericolosità idraulica media.

il crollo del viadotto sulla A6 ha provocato disagi alla circolazione

Nelle zone considerate a pericolosità da frana elevata e molto elevata vivono oltre un milione di persone e altre sei milioni nelle zone a pericolosità idraulica media. La popolazione più a rischio è concentrata in Emilia-Romagna, Toscana, Campania, Lombardia, Veneto e Liguria.

Un'ampia sezione del documento è costituita dai dati sui Beni Culturali a rischio frana presenti sul nostro territorio. Il quadro tracciato dal rapporto parla di 37.847 Beni Culturali a rischio frane, il 18,6% del patrimonio totale. Ancora una volta le regioni che presentano il maggior numero di tesori artistici in aree a pericolosità P3 e P4 sono Toscana, Marche, Emilia-Romagna, Campania e Liguria.

I disagi alla circolazione dopo i crolli delle autostrade

L'interruzione del viadotto sull'A6, e non solo, ha provocato, ad ogni modo, serie difficoltà alla circolazione in Piemonte. La A6 è interrotta tra Savona e Altare verso nord e tra Millesimo e Savona verso sud. La A5 Torino-Aosta è interdetta ai mezzi pesanti che sono stati deviati verso il tunnel del Frejus. In ultimo la A 21 Torino-Piacenza è interrotta per una voragine formatasi tra Asti Ovest e Villanova d'Asti.

Se questa è la situazione del mese di novembre, cosa dobbiamo aspettarci per il prossimo inverno?

Stampa/PDF
Crolli autostrade: l'A6 Savona Torino