Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli

DATI EUROSTAT IN VISTA DEL SUMMIT DI RIGA 2015

Stampa/PDF
La ricerca di Eurostat si concentra principalmente su alcuni dati di carattere demografico e territoriale e sul valore degli scambi di merci tra l´Ue e i paesi partner.

Le esportazioni dell´Ue nei paesi partner hanno raggiunto un valore di affari di 41,3 miliardi di euro nel 2013 per scendere a livelli più bassi nel 2014 con un valore di 33,1 mld di euro. Stesso iter per le importazioni che, dopo il 2009, hanno conosciuto un picco pari a 36,7 mld di euro nel 2011 e un successivo decremento di circa 32,4 mld di euro nel 2014. Gli Stati membri con il maggior volume di scambi commerciali con i paesi del partenariato sono Germania, Italia e Polonia. La Germania si piazza al primo posto riguardo l´export, con un volume di affari pari a 7 mld di euro (21% del totale) seguita da Polonia con 5,2 mld di euro (16%) e Italia, le cui esportazioni sono pari a 2,8 mld di euro (8%). L´italia risulta invece prima nelle importazioni dai paesi del partenariato orientale con un valore commerciale pari a 8,2 mld di euro pari al 25% di tutte le importazioni dell´Ue dai Paesi del partenariato.

In cosa consiste il partenariato orientale?

Il partenariato orientale è un´iniziativa congiunta tra l´Ue e alcuni Paesi dell´Europa dell´Est: Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, Georgia, Repubblica di Moldova e Ucraina. Lanciato nel 2009 al summit Ue di Praga (il 4°summit si terrà a Riga il 21 e il 22 maggio 2015), il partenariato ha cercato di avvicinare Europa occidentale e orientale. Esso è nato per supportare il processo di riforme nei paesi del partenariato a beneficio dei loro cittadini. La partnership si basa su precisi principi di diritto internazionale e su determinati valori fondamentali tra cui democrazia, stato di diritto, rispetto per i diritti umani nonché economia di mercato, sviluppo sostenibile e buon governo.

L´UE, nell´accordo di partenariato ha differenziato l´approccio con i Paesi partner. I rapporti con Georgia, Repubblica di Moldova e Ucraina hanno raggiunto un livello già soddisfacente tramite l´accordo di associazione che include una zona di libero scambio globale e approfondito (firmato nel 2014). Con gli altri Paesi del partenariato quali l´Azerbaijan, l´Armenia e la Bielorussia l´Ue sta cercando di avviare degli accordi di natura più approfondita.

Quali sono le aree di intervento della partnership?

Queste le aree principali di intervento del partenariato orientale:
- Stato di diritto: affinché i Paesi partner possano avvicinarsi a modelli di gestione fondati sull´eliminazione della corruzione
- riforma della pubblica amministrazioneautorità giudiziaria indipendente con il fine ultimo di raggiungere una stabilità politica.


Promozione della mobilità dei cittadini tra Paesi partner e Ue

Un passo avanti è già stato fatto nella Repubblica di Moldova attraverso una liberalizzazione del regime dei visti. Stesso processo è stato avviato con Georgia e Ucraina mentre devono essere mossi ancora i primi passi con la Bielorussia; - Opportunità di commercio: queste sono già a buon punto soprattutto con Georgia, Ucraina e Repubblica di Moldova come già menzionato sopra; - Cooperazione sulle infrastrutture energetiche: di fondamentale importanza non soltanto per i Paesi orientali ma soprattutto in termini di approvvigionamento energetico per l´Ue. - Cooperazione finanziaria: l´Eni (lo strumento europeo di vicinato) che ha sostituito l´Enpi (strumento europeo di vicinato e partenariato) è al momento la maggiore fonte di finanziamento non soltanto della politica europea di vicinato ma anche del partenariato orientale. Dal 2009 esso ha erogato circa 3,2 mld di euro a favore dei Paesi del partenariato orientale. L´ucraina è al momento il maggior beneficiario.

Come funziona in pratica?

Il partenariato prevede:
- due riunioni annuali dei capi di Stato e di Governo dei 28 Paesi Ue e dei Paesi partner; - una riunione annuale dei ministri degli affari esteri che analizza lo status di avanzamento dei lavori e detta le linee guida politiche;
- i lavori vengono svolti attraverso 4 piattaforme tematiche (democrazia, buon governo e stabilità; integrazione economica e convergenza con le politiche dell´Ue; sicurezza energetica e trasporti; contatti con i cittadini) supportati da diversi panel di esperti, da 4 iniziative faro e da progetti. I lavori delle piattaforme prevedono due sessioni l´anno, e i contenuti sono poi discussi alle riunioni dei ministri degli affari esteri;
- occasionalmente i lavori delle piattaforme possono essere discussi durante riunioni ministeriali di settori specifici. Il partenariato orientale così come il partenariato Euro-mediterraneo sono progetti che completano la più ambiziosa politica di vicinato con la quale s´intende la relazione privilegiata instaurata dall´Ue ha con i Paesi vicini ad est e a sud dei suoi confini.
Stampa/PDF
DATI EUROSTAT IN VISTA DEL SUMMIT DI RIGA 2015