Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli
  • Magazine
  • Esteri
  • Dichiarazione della Conferenza sul Mediterraneo orientale

Dichiarazione della Conferenza sul Mediterraneo orientale

Stampa/PDF
La scelta di Cinquecolonne Magazine è sempre quella di porgere al lettore documenti e fatti tal quali sono al fine di fare 'informazione pura' non contaminata da opinionismi di sorta e in questo caso più che mai.
Eccovi, la versione integrale della Dichiarazione della Conferenza sul Mediterraneo orientale appena sfornata dalkla U.E.

1. Negli ultimi anni vi è stato un drammatico aumento dei flussi di rifugiati e migranti verso i paesi confinanti della Siria e, successivamente, lungo il percorso del Mediterraneo orientale e Balcani occidentali. La maggior parte sono persone bisognose di protezione internazionale. Questo sta mettendo la capacità di accoglienza della maggior parte dei paesi colpiti sotto forte pressione, con gravi conseguenze umanitarie. Si pongono sfide significative per la gestione delle frontiere e dei sistemi di asilo, così come le sfide alla sicurezza.

2. La protezione internazionale e assistenza devono essere concessi a tutti gli aventi diritto ad essa, nel pieno rispetto del principio di non respingimento. In parallelo, gli immigrati irregolari che non hanno bisogno di protezione internazionale deve essere efficacemente tornarono ai loro paesi di origine, secondo gli accordi esistenti e futuri, così come le modalità stabilite di comune accordo.

3 ° Norme pertinenti in attraversamento delle frontiere devono essere rispettati al fine di garantire il traffico sicuro e ben gestito. L' attraversamento irregolare delle frontiere minaccia la sicurezza e può alimentare la criminalità organizzata. Una gestione efficace delle frontiere e lotta contro la criminalità organizzata responsabili del traffico di migranti e la tratta di esseri umani sono essenziali. È quindi della massima importanza per intensificare i nostri sforzi comuni volti a stabilire una gestione completa delle frontiere.

4 ° Siamo di fronte ad una sfida comune. In qualità di partner, dobbiamo rispondere collettivamente con la solidarietà. Abbiamo anche bisogno di aumentare l'impegno della comunità internazionale più ampia. Giordania, Libano e Turchia sono in prima linea degli sforzi. Noi li lodiamo per la loro generosità nell'ospitare e rispondere alle esigenze di più di 4 milioni di profughi siriani. I Balcani occidentali, attualmente in particolare Serbia e  le due ex Repubblica iugoslava di Macedonia,  fanno parte delle vie di transito per i migranti ei rifugiati diretti agli Stati membri dell'UE e di hosting sono persone bisognose di protezione internazionale. Apprezziamo l'assistenza che forniscono a molte migliaia di persone bisognose di protezione internazionale e la loro disponibilità ad assumersi pienamente le proprie responsabilità, compresa la riammissione dei loro cittadini, come paesi di origine sicuri. Infine, molti Stati membri dell'UE sono anche sotto una forte pressione come paesi di transito e di destinazione.

5. Oggi, per affrontare queste sfide, ribadiamo il nostro fermo impegno a rispettare gli obblighi internazionali e dei diritti umani. Il rispetto per la dignità dei rifugiati e dei migranti e la tutela dei loro diritti umani rimane la nostra priorità in ogni momento. Particolare attenzione sarà data alla tutela dei gruppi vulnerabili. Abbiamo anche ribadiamo il nostro impegno a lavorare con i più importanti delle Nazioni Unite agenzie, fondi e programmi, le organizzazioni internazionali, nonché con le pertinenti ONG internazionali e nazionali che sostengono i rifugiati nella regione.

6. La responsabilità collettiva deve essere tradotto in azione collettiva. Dalla base solida di stabilizzazione e di associazione, l'ampliamento o processi di quartiere che ancorare le nostre relazioni, siamo d'accordo oggi di intensificare il nostro impegno in risposta alla crisi dei rifugiati in corso.

7. A tal fine, si persegue le seguenti azioni chiave:

A) Sostegno alla Giordania, Libano e Turchia

8. mobilist maggiore sostegno allo sviluppo per ospitare i governi e le comunità ospitanti, e rendere questo un sostegno più efficace. Migliorare le misure per sostenere i paesi ospitanti attraverso incentivi economici, compresi i contributi del settore privato, e il supporto per le economie nazionali e delle infrastrutture pubbliche fortemente tese dal massiccio afflusso di profughi e continua presenza di un gran numero di rifugiati.

9. Assicurarsi che le persone bisognose di protezione internazionale ricevano le informazioni necessarie, la documentazione e l'assistenza, compresa l'assistenza legale, a registrarsi in paesi ospitanti - la responsabilità di cui si hanno con i paesi ospitanti principalmente in collaborazione con le organizzazioni internazionali - con particolare attenzione ai gruppi più vulnerabili. Su questa base, continuare a fornire aiuti umanitari immediati e di principio e l'assistenza allo sviluppo, migliorando l'accesso richiesto per attori umanitari, al fine di affrontare i bisogni umanitari più urgenti dei profughi in base alla loro vulnerabilità, tra cui riparo, protezione, cibo, salute, acqua e servizi igienico-sanitari. Questo dovrebbe essere basata su un approccio comune, con l'assistenza allo sviluppo sostenibile per coprire esigenze come resilienza bene. Accoglienza e registrazione capacità nei paesi ospitanti sarà rafforzata per affrontare una pressione crescente, anche al fine di rafforzare la titolarità delle autorità nazionali e locali.

10 ° Migliorare l''accesso all'istruzione, tra cui istruzione superiore e la formazione professionale, mentre riconoscendo lo sforzo messo sui paesi ospitanti "rifugiati sistema di istruzione e la necessità di sostenere il settore dell'istruzione. Migliorare l'accesso dei rifugiati al mercato del lavoro e lavoroattraverso tobasic e servizi. Tutto questo sarà realizzato in linea con le capacità nazionali e nel rispetto dei quadri giuridici vigenti. Invita la comunità dei donatori a contribuire al finanziamento di iniziative generatrici di reddito per i rifugiati che possa rafforzare la loro fiducia in se stessi, ferma restando la natura temporanea della loro presenza, e beneficiare comunità di accoglienza e promuovere la coesione sociale. Valorizzazione di resilienza e di sostentamento opportunità dovrebbe riguardare sia i rifugiati e le comunità ospitanti.

11 Informare rifugiati e migranti, anche attraverso campagne di informazione e in collaborazione con l'UNHCR e OIM, sui rischi di canali di migrazione irregolare e sulle opportunità giuridiche alternative per entrare in Europa (ad esempio ricongiungimento familiare, la mobilità degli studenti, programmi di sponsorizzazione private, ecc). Ove possibile, prendere in considerazione se tali opportunità legali alla mobilità dovrebbero essere potenziati.

12. Il lavoro in stretta collaborazione con l'UNHCR e OIM Per garantire che la comunità internazionale offre maggiori opportunità di reinsediamento ai rifugiati, tra cui in particolare i rifugiati siriani, e onori impegni assunti.

13. Migliorare e condividere la raccolta dei dati, il monitoraggio dei movimenti di popolazione, bisogni comuni valutazioni, la mappatura e l'analisi di impatto sociale ed economico, al fine di garantire una risposta più mirata ed efficace e anticipare le tendenze, nel rispetto della privacy dei dati personali e le garanzie legali.

B) Sostegno ai paesi di transito interessati

14. Fornire prima linea immediata assistenza umanitaria Principled, asciutto come cibo, alloggio, assistenza sanitaria, sostegno psico-sociale, protezione, acqua e servizi igienici, di rifugiati, richiedenti asilo e migranti in transito.

15. Migliorare accoglienza e ricettività, come richiesto. Per garantire che i rifugiati e migranti sono accolti in modo dignitoso e sono fornite le informazioni necessarie e l'assistenza di riferimento, compresa l'assistenza legale, per ottenere l'accesso registrationand ai servizi di base e sostegno su misura per il più vulnerabili.

16. Migliorare la capacità di gestire le frontiere e di garantire un rapido registrazione di tutti i rifugiati e migranti e di efficacia, qualità e rapido espletamento delle domande di asilo, nel pieno rispetto dei diritti umani e in linea con gli standard internazionali. Sostenere il rapido ritorno ai loro paesi di origine delle persone che non hanno diritto alla protezione internazionale, nel pieno rispetto del principio di non respingimento.

17. Intraprendere sensibilizzazione e attività di divulgazione a livello comunitario per prevenire tensioni e contro la xenofobia.

18. potenziare lo scambio di informazioni e il coordinamento regionale, anche attraverso autorità nazionali e altri attori internazionali e regionali, di coordinare meglio la gestione dei flussi migratori.

C) La cooperazione per combattere la criminalità organizzata responsabile di traffico di migranti e la tratta di esseri umani

19. Migliora la gestione delle frontiere (controllo ai valichi di frontiera e la sorveglianza) nel pieno rispetto dei diritti umani. L'accordo tra la Turchia, la Grecia e la Bulgaria Concluso maggio 2015 fornisce un buon esempio. Al fine di garantire maggiore coerenza nella gestione dei flussi migratori, la cooperazione regionale in materia di gestione delle frontiere sarà favorita.

20. rafforzare la cooperazione giudiziaria, tra cui raccolta di informazioni, la condivisione e l'analisi di polizia e, così come lo sviluppo delle capacità delle forze dell'ordine e le autorità giudiziarie, con un focus specifico sullo svolgimento delle indagini finanziarie.

21 Garantire il sostegno e la protezione delle vittime di traffico di migranti e la tratta di esseri umani, con particolare attenzione ai gruppi vulnerabili, come le donne ei bambini.

22. Migliorare la cooperazione con le agenzie dell'UE e le organizzazioni internazionali (ad esempio, Frontex, EASO, Europol, Eurojust, Interpol e l'UNODC), utilizzando al meglio accordi regionali esistenti.

D) affrontare le cause alla radice di sfollamento forzato

23. Indirizzo cause strutturali di instabilità in modo globale. In questo contesto, intensificare il nostro impegno diplomatico con tutte le pertinenti partner internazionali, anche in pieno sostegno degli sforzi del Segretario generale delle Nazioni Unite di Special Envoy, per raggiungere una soluzione politica al conflitto in Siria, che dovrebbe includere un sicuro ritorno dei profughi e degli sfollati interni persone. Intensificare i nostri sforzi per lo sviluppo delle istituzioni afghane per fornire la resistenza necessaria per la costruzione di un efficace e sostenibile di Stato afghano definitiva. Intensificare il nostro sostegno al governo iracheno, al fine di conseguire l'inclusione, la riconciliazione nazionale e lungo termine la pace, la stabilità e l'unità.

24. intensificare i nostri sforzi nella lotta contro il terrorismo e gruppi estremisti violenti, tra cui, in particolare, contro ISIL / Da'esh. Questi sforzi comprendono anche programmi contro-radicalizzazione, il targeting dei giovani in particolare.

25 A complemento alle nostre azioni che affrontano le cause alla radice e in linea con l'imperativo umanitario e Mandy, aumenteremo esigenze a base di assistenza umanitaria di etica per sostenere sfollati e altre popolazioni colpite, così come le comunità ospitanti colpite, in Siria e in Iraq cibo, acqua, servizi igienico-sanitari, riparo, salute, istruzione e protezione, in tutte le sedi accessibili, in linea con i principi umanitari, sulla base di vulnerabilità e le esigenze e in linea con le pertinenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Consegna di aiuti umanitari alle zone assediate e difficili da raggiungere dovrebbe essere perseguito.

26 Inoltre, aumentare i nostri sforzi attraverso l'assistenza di stabilizzazione, incluso il supporto per la governance locale, stato di diritto e il ripristino dei servizi pubblici di base, ove possibile.

E) L'impegno con i paesi di origine dei migranti irregolari

27 Rafforzare l'impegno con l'origine countriesof degli immigrati irregolari, mobilitando tutti gli strumenti ei processi di dialogo Per ottenere piena ed effettiva attuazione di obblighi reciproci in materia di restituzione, anche attraverso accordi di riammissione.

28. Supporto assistito programmi di rimpatrio volontario, nonché programmi di reinserimento per facilitare il rimpatrio di migranti non hanno diritto alla protezione internazionale nei loro paesi d'origine, nel pieno rispetto delle norme internazionali sui diritti umani e il principio di non respingimento.

29 Aumentare gli investimenti nel miglioramento delle condizioni socio-economiche di questi paesi, con particolare attenzione per l'istruzione e la creazione di opportunità per i giovani, la promozione della loro partecipazione nelle istituzioni sociali, economiche e politiche, così come i diritti delle donne.

Prospettive future

Ampio impegno internazionale

30 Ci impegniamo a coinvolgere ulteriormente allargato il internazionale communityin uno sforzo per trovare una soluzione politica al conflitto siriano e rafforzare il sostegno finanziario, nonché le opportunità di nuova sistemazione e di altre forme di ammissione umanitaria, per affrontare la crisi dei rifugiati. Ricordiamo l'importanza di rispettare il diritto umanitario internazionale. Accogliamo con favore l'offerta di Norvegia, Germania e Regno Unito per ospitare all'inizio del prossimo anno una conferenza internazionale dei donatori per aiutare siriani sfollati dalla guerra. Incoraggiamo tutti gli Stati ad apportare sostanziali contributi in risposta a questa grave crisi.

31. Riconosciamo il ruolo chiave delle Nazioni Unite e le sue agenzie competenti, fondi e programmi, altre organizzazioni internazionali, la società non governative organisationsand civile nel sostenere questi sforzi e ci impegniamo a rafforzare Pertanto la nostra cooperazione e partnership con loro.

Il sostegno dell'UE 

32. L'UE sosterrà questi sforzi sia attraverso un aumento delle risorse finanziarie e la cooperazione tecnica, attraverso Frontex, EASO, Europol e Eurojust. In consultazione e coordinamento con i paesi candidati e potenziali candidati, l'UE utilizzare gli strumenti finanziari disponibili nell'ambito del processo di adesione / stabilizzazione e di associazione, tra cui lo strumento di assistenza preadesione, per rafforzare la cooperazione con i paesi candidati e potenziali candidati e fornire il supporto per i loro sforzi.

33. L'UE aumenterà la propria finanziamenti umanitari in Siria e in Iraq, e per rispondere alle crescenti esigenze in rapida nei Paesi confinanti e quelli sul / Balcani occidentali del Mediterraneo rotta orientale, tenuto conto della sua natura mutevole. L'assistenza sarà fornita attraverso organizzazioni partner, tra cui agenzie delle Nazioni Unite, le organizzazioni internazionali e le organizzazioni non governative nazionali e internazionali, in coordinamento, se del caso, con le autorità locali. Un ulteriore sostegno può essere fornita attraverso il meccanismo di protezione civile dell'Unione.

34. Il fondo fiduciario UE regionale in risposta alla crisi siriana può migliorare l'efficienza, la flessibilità e la rapidità di consegna degli aiuti attraverso i Paesi confinanti dell'UE colpiti dalla crisi siriana, al fine, tra l'altro, di aumentare la resilienza delle comunità interessate. L'estensione del campo di applicazione del Fondo fiduciario per i Balcani occidentali viene proposta e ulteriori contributi sono oggetto di esame. L'Unione europea farà pieno uso dello Sviluppo e programma di protezione regionale per il Medio Oriente per sostenere i rifugiati e le comunità ospitanti nella regione. L'UE intensificherà la prevenzione dei conflitti e resolutionefforts, in particolare facendo ricorso allo strumento contribuire alla stabilità e pace per programmi di stabilizzazione in aree di conflitto, ma anche nei Paesi confinanti, in particolare Giordania, Libano e Turchia. L'UE farà in modo che il suo sostegno è fornito in modo coordinato tra i vari strumenti finanziari e gli attori coinvolti. L'UE promuoverà ulteriormente il reinsediamento come concordato dai suoi Stati membri.

Follow-up

35. Il follow-up a questa Dichiarazione sarà assicurata tramite contatti regolari a livello sia politico che tecnico e, come saranno sviluppati adeguati piani d'azione, in materia. Dove saranno utilizzati rilevanti, esistenti quadri bilaterali e regionali per il dialogo e la cooperazione, tra cui la stabilizzazione e di associazione UE, ingrandimento o di quartiere processi e dialoghi ad alto livello. Il partenariato per la mobilità con la Giordania e il dialogo su migrazione, mobilità e sicurezza con il Libano forniscono anche quadri importanti, anche in vista di possibili futuri accordi di facilitazione del visto / riammissione. Il partenariato via della seta per la Migrazione nel quadro del processo di Budapest sarà l'occasione per un ulteriore impegno tra i principali paesi di origine, di transito e di destinazione. Il processo di Praga fornirà anche una piattaforma utile di cooperazione. Altre iniziative regionali, secca, quale MARRI e il processo di Brdo, contribuiranno ulteriormente a questo obiettivo.

36. Le sfide specifiche causate da un gran numero di richiedenti asilo provenienti dai Balcani occidentali saranno affrontati nel prossimo Giustizia e affari interni Europa occidentale-Balcani Forum ministeriale, anche attraverso misure concrete e appropriate concernenti tutti gli aspetti del fenomeno.

37. Conveniamo di tenere la situazione sotto controllo. Alti funzionari dei partecipanti si incontreranno per esaminare il seguito dato a questa Dichiarazione nei primi mesi del 2016.

Stampa/PDF
Dichiarazione della Conferenza sul Mediterraneo orientale