"Difendiamoci": l'APP per i cittadini

Stampa/PDF

Secondo i dati raccolti nel primo trimestre 2017 del consorzio Netcomm, il consorzio del commercio elettronico che promuove periodicamente indagini sull’e-commerce in tutto il mondo, sono stati registrati 20,9 milioni di acquirenti online nei primi 3 mesi del 2017 e il 25,9% degli acquisti online sono stati effettuati da dispositivo mobile; inoltre il 34,1% degli acquirenti online negli ultimi sei mesi, a cavallo tra il 2016 e il 2017, ha fatto acquisti via App su dispositivo mobile.

In un contesto dominato dalle nuove opportunità del web e dal commercio elettronico, si fanno strada anche i nuovi pericoli legati all’e-commerce, dalle pratiche scorrette delle aziende ai rischi legati alla violazione della privacy e così via. Per questo motivo, grazie al progetto E-Consumer, il Movimento Difesa del Cittadino, insieme a Codacons e Utenti dei Servizi Radiotelevisivi, continua a seguire da vicino le tematiche legate all’e-commerce ed a informare e assistere i cittadini alle prese con i nuovi servizi digitali fornendo loro tutti gli strumenti e le nozioni conoscitive per utilizzare questi servizi nella massima sicurezza e tranquillità. Il progetto E-CONSUMER fornisce alle associazioni dei consumatori, al fianco delle vittime di diritti in materia di codice del consumo, nuovi strumenti per rafforzare i servizi di assistenza, consulenza e informazione in materia di privacy e tutela dei dati personali, qualità dei prodotti e dei servizi, pubblicità e informazione, pratiche commerciali, rapporti contrattuali.

Il Movimento Difesa del Cittadino ha quindi realizzato una piattaforma, attiva sul sito dell’associazione, attraverso cui il cittadino può inoltrare segnalazioni, reclami e successivamente dare il via a una procedura di conciliazione con le aziende di TLC, energia, consegna merci, con società di assicurazioni e banche. Ha realizzato, inoltre, l’APP “DIFENDIAMOCI”, scaricabile gratuitamente per iOS e Android, attraverso cui l’utente può inviare il reclamo direttamente, inserendo poche informazioni indispensabili.

Stampa/PDF
"Difendiamoci": l'APP per i cittadini