Due centrali italiane tra le più inquinate d'Europa

Stampa/PDF

La combustione del carbone non solo produce gravissimi effetti nocivi sulla salute delle persone, ma costituisce anche la maggiore minaccia per il clima del pianeta a causa delle ingenti emissioni di gas serra. 

Il report quindi mostra quanto pesino proprio le emissioni di CO2 degli impianti a carbone in Europa e stila la lista dei peggiori 30 nella quale figurano due impianti italiani che si collocano rispettivamente all'ottavo e al dodicesimo posto. 

Si tratta rispettivamente della centrale Federico II di Brindisi (in Puglia) e della centrale di Torrevaldaliga Nord (nel Lazio).

Il WWF ricorda che in Italia esiste ancora una decina di impianti a carbone attivi che forniscono circa il 13% del fabbisogno elettrico nazionale ma che pesano per quasi il 40% sulle emissioni di CO2 .

"Il rapporto dimostra che un completo abbandono del carbone è una questione europea che riguarda tutti, e come tale dovrebbe essere uno degli obiettivi d'azione dell'UE", ha commentato la responsabile Clima ed Energia del WWF Italia, Mariagrazia Midulla, che spiega: "Gli effetti devastanti del carbone sul clima e sulla salute di tutti gli europei dimostrano che tutti i paesi della UE hanno l'interesse comune a lavorare insieme per venirne fuori il più presto possibile. Vista la gravità dell'impatto sulla salute con un inquinamento che viaggia al di là dei confini nazionali, chiediamo che in Italia venga attivata un'indagini epidemiologica sulla popolazione per verificare i danni sanitari di questo combustibile fossile".    

"Ma c'è di più: le analisi dimostrano che l'inquinamento derivante dalle centrali a carbone non riguarda solo gli abitanti delle zone limitrofe, quindi deve diventare anche priorità nazionale, non solo locale - conclude la Midulla -. Dopo l'accordo di Parigi sul clima, i leader dell'UE hanno un'ancor maggiore responsabilità di aumentare drasticamente gli sforzi per chiudere tutte le centrali a carbone e di passare rapidamente al 100% di energia rinnovabile".

Stampa/PDF
Due centrali italiane tra le più inquinate d'Europa