• Magazine
  • Società
  • Emissioni di CO2 nel trasporto marittimo: l'UE revisiona le sue norme

Emissioni di CO2 nel trasporto marittimo: l'UE revisiona le sue norme

Stampa/PDF

L'UE sta compiendo sforzi per ridurre la burocrazia per gli armatori mantenendo al contempo i suoi elevati standard per il monitoraggio delle emissioni di CO2 del trasporto marittimo.

Oggi, gli ambasciatori degli Stati membri dell'UE hanno concordato la loro posizione su una proposta che aggiorna le norme dell'UE esistenti e le allinea parzialmente con il sistema globale di raccolta dei dati per il consumo di olio combustibile per navi dell'Organizzazione marittima internazionale (IMO). "Il settore del trasporto marittimo deve diventare più efficiente dal punto di vista energetico e utilizzare meno carburante per contribuire ai nostri obiettivi climatici. Vogliamo che le aziende e il pubblico sappiano quanto carburante utilizza ogni nave. Ciò significa che saremo in grado di confrontare le emissioni delle navi e scegliere quelle più efficienti dal punto di vista energetico. Questo ha benefici ambientali. Guardiamo anche al futuro, poiché chiediamo alla Commissione di rivedere questo regolamento alla luce delle ulteriori esperienze acquisite." ha dichiarato Krista Mikkonen, ministro dell'Ambiente e del clima della Finlandia.

Emissioni di CO2 dalle navi: la normativa vigente
A partire dal 2019, gli armatori sono tenuti a monitorare e riferire in base a due sistemi: il regolamento MRV dell'UE (monitoraggio, comunicazione, verifica) e il DCS IMO globale (sistema di raccolta dati). Il Consiglio conviene che l'allineamento parziale delle definizioni, dei parametri di monitoraggio e dei piani e modelli di monitoraggio del regolamento MRV contribuisce a ridurre gli oneri amministrativi per le compagnie di navigazione e le autorità nazionali e facilita il rispetto degli obblighi di comunicazione previsti dai due sistemi.

Tuttavia, il Consiglio ritiene che il monitoraggio e la comunicazione delle merci trasportate debbano rimanere obbligatoriQueste informazioni contribuiscono a una migliore comprensione del consumo di carburante delle navi. La Commissione aveva proposto di trasformare le merci trasportate in un elemento di segnalazione volontaria.

Il Consiglio ha inoltre aggiunto una clausola che chiede alla Commissione di riesaminare il funzionamento del regolamento.

L'accordo raggiunto tra gli ambasciatori degli Stati membri dell'UE nella riunione odierna del Comitato dei rappresentanti permanenti significa che il Consiglio è pronto ad avviare negoziati con il Parlamento europeoIl Parlamento europeo non ha ancora raggiunto una posizione su questa proposta.

Il testo completo della posizione del Consiglio sarà collegato al presente comunicato stampa entro pochi giorni.

Emissioni di CO2 nel settore marittimo: il quadro generale
L'attività marittima globale emette quantità significative di emissioni di gas serra e contribuisce ai cambiamenti climatici a causa del suo consumo di combustibili fossili. Si stima che le emissioni del trasporto marittimo internazionale siano circa il 2-3% delle emissioni globali globali di gas a effetto serra. Questo è più che le emissioni di qualsiasi stato dell'UE. Se il settore navale fosse un paese, si classificherebbe al sesto posto per le emissioni nel mondo.

A livello dell'UE, le emissioni di CO2 del trasporto marittimo sono aumentate del 48% tra il 1990 e il 2008Nel 2015 il trasporto marittimo ha causato il 13% delle emissioni complessive di gas serra dell'UE dal settore dei trasporti.

Nel 2015 il Consiglio e il Parlamento europeo hanno adottato il cosiddetto regolamento MRV, che per la prima volta ha stabilito norme per il monitoraggio, la comunicazione e la verifica delle emissioni di CO2 del trasporto marittimoLe compagnie di navigazione devono comunicare le loro emissioni annuali di CO2 e altre informazioni pertinenti derivanti dai viaggi delle loro navi da e verso i porti dello Spazio economico europeo (SEE), comprese le emissioni di CO2 di queste navi nei porti. Ciò riguarda le navi di stazza lorda superiore a 5000 tonnellate - le navi più piccole sono escluse dalle norme. Il monitoraggio del consumo di carburante, delle emissioni di CO2 e dell'efficienza energetica è iniziato nel 2018 e le compagnie di navigazione hanno dovuto presentare i loro primi rapporti sulle emissioni nel 2019.

A livello globale, l'Organizzazione marittima internazionale (IMO) ha creato il suo quadro giuridico per un sistema globale di raccolta di dati (DCS) per il consumo di olio combustibile delle navi nel 2016. Secondo il DCS dell'IMO, gli obblighi di monitoraggio iniziano nel 2019 e le prime relazioni devono essere presentata nel 2020. Di conseguenza, da gennaio 2019 le navi che svolgono attività di trasporto marittimo legate al SEE devono soddisfare i requisiti di monitoraggio e comunicazione previsti sia dal regolamento MRV dell'UE sia dal DCS IMO globale.

L'obiettivo principale della presente proposta è pertanto quello di modificare il regolamento MRV dell'UE al fine di tenere adeguatamente conto del nuovo DCS globale IMO, al fine di consentire di razionalizzare e ridurre il più possibile gli sforzi amministrativi per le imprese e le amministrazioni, preservando nel contempo obiettivi del regolamento MRV dell'UE.

Stampa/PDF
Emissioni di CO2 nel trasporto marittimo: l'UE revisiona le sue norme