EUBAM Libya: come cambia la missione

Stampa/PDF

Il Consiglio Europeo ha adottato una decisione che conferisce alla missione UE di assistenza alla gestione integrata delle frontiere in Libia (EUBAM Libia) il sostegno attivo alle autorità libiche nel contribuire a contrastare le reti criminali organizzate coinvolte nel traffico di migranti, nella tratta di esseri umani e nel terrorismo. La missione era stata precedentemente incaricata di pianificare una futura missione civile dell'UE mentre si stava impegnando con le autorità libiche.

EUBAM Libya: la missione
Il mandato riveduto della missione proseguirà fino al 30 giugno 2020. Il Consiglio ha inoltre stanziato un bilancio di 61,6 milioni di euro per il periodo compreso tra il 1 ° gennaio 2019 e il 30 giugno 2020.

Per raggiungere i suoi obiettivi, l'EUBAM Libia offre lo sviluppo di capacità nei settori della gestione delle frontiere, dell'applicazione della legge e della giustizia penale. La missione consiglia le autorità libiche sullo sviluppo di una strategia nazionale di gestione integrata delle frontiere e sostiene il rafforzamento delle capacità, la pianificazione strategica e il coordinamento tra le autorità libiche competenti. La missione gestirà inoltre e coordinerà i progetti relativi al suo mandato.

L'EUBAM Libia risponde a una richiesta delle autorità libiche e fa parte dell'approccio globale dell'UE persostenere la transizione verso una Libia democratica, stabile e prospera . La missione civile cooperastrettamente con e contribuisce agli sforzi della Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia.

La sede della missione si trova a Tripoli e il capomissione è Vincenzo Tagliaferri (dall'Italia).

Stampa/PDF
EUBAM Libya: come cambia la missione