FEDERALISMO FISCALE: ANCORA RINCARI PER I CITTADINI

Stampa/PDF

Il Federalismo fiscale tanto decantato, oltre le altre ricadute negative che più volte abbiamo sottolineato, permetterà alle province di poter aumentare l’addizionale sul premio Rc auto del 3,5 %

Dopo l'aumento dell'imposta di trascrizione dei pubblici registri automobilistici, ai più nota come passaggio di proprietà, un'altra nota dolente per i cittadini potrà derivare dalla piena attuazione del federalismo fiscale.Il decreto di fine marzo sul federalismo regionale e provinciale concede, infatti, alle province la possibilità di aumentare di ben il 3,5% l'addizionale sull'R.C. Auto, che oggi è già pari al 12,5%. Considerato lo stato non esaltante dei bilanci degli enti provinciali, la facoltà di variare al rialzo l'addizionale, costituirà una non remota opportunità d'ulteriore incasso per tali enti anche per la percezione degli effetti che un'imposta indiretta di tal tipo potrà avere tra i cittadini che inevitabilmente addebiteranno gli aumenti agli ormai consueti rincari delle polizze automobilistiche.Un'altra brutta tegola, quindi, per i cittadini, che già avevano assistito, secondo l'ISVAP, l'istituto di vigilanza del mercato assicurativo, ad una variazione media dei premi assicurativi pari al 6,6% rispetto l'anno precedente ed addirittura doppia in relazione agli altri Paesi dell'UE. A pagarne gli effetti saranno sempre i cittadini; come Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” aveva già denunciato in altre occasioni.

Stampa/PDF
FEDERALISMO FISCALE: ANCORA RINCARI PER I CITTADINI