Fiabe di Primavera

Stampa/PDF

Riprendono, nel magnifico giardino napoletano di via Foria, gli affascinanti percorsi teatrali proposti dall’Associazione I Teatrini e dall’Università degli Studi Federico II e realizzati per La Scena Sensibile in collaborazione con laRegione Campania ed il Comune di Napoli.

Una programmazione che propone 4 titoli selezionati tra i capolavori della letteratura universale per l’infanzia e la gioventù qui rappresentati nei singolari allestimenti itineranti ideati per gli incantevoli spazi dell’Orto napoletano.

Storie e racconti per piccoli e grandi che attraggono ed accolgono da 22 anni migliaia di spettatori nell’incontro magico tra poesia, teatro, scienza e natura. In questa nuova stagione, che annuncia circa 80 giorni di spettacolo per oltre 130 repliche, l’autrice e regista Giovanna Facciolo, mette in scena per I Teatrini alcuni tra i titoli di maggior successo fin qui prodotti, a partire da Il popolo del bosco (il primo ed il più longevo, giunto al 22 ciclo di repliche) con Monica Costigliola, Renata Wrobel, Alessandro Esposito (maschere, figure e costumi di Bruno e Rosellina Leone) in una nuova edizione attesa al debutto sabato 17 marzo (ore 11, repliche fino a domenica 25 marzo).

La rassegna propone ancora gli spettacoli L'al­­bero del sole da Andersen (da sabato 7 a domenica 29 aprile), Le favole della saggezza da Esopo, Fedro e La Fontaine (da sabato 5 a sabato 26 maggio) e, per finire, Nello specchio di Biancaneve, dai Fratelli Grimm (in prima assoluta, da sabato 12 maggio a domenica 10 giugno).

Negli anni – sottolineano Giovanna Facciolo e Luigi Marsano, rispettivamente direttori artistico ed organizzativo de I Teatrini - abbiamo costruito una programmazione stabile dedicata all’Orto Botanico di Napoli, uno dei monumenti più singolari e preziosi che la città di Napoli può ascrivere al suo inestimabile patrimonio architettonico e paesaggistico. Ogni spettacolo è stato realizzato pensando a questo luogo come ad uno dei principali protagonisti del nostro lavoro, ed ancor più immaginandone un ruolo attivo che potesse porlo in relazione immediata con le decine di migliaia di piccoli spettatori che fin qui hanno preso parte alle nostre attività”.

Le fiabe all’Orto Botanico sono ormai un appuntamento atteso, nella programmazione primaverile così come in quella autunnale, per migliaia di persone, adulti e bambini, che ritrovano, a contatto diretto con la natura, momenti di gioco e di studio entrando in relazione attiva con personaggi e storie che appartengono alla nostra cultura ed alla nostra civiltà.

I personaggi delle favole di Esopo, Fedro, La Fontaine, Andersen, dei fratelli Grimm - continua la regista Giovanna Facciolo - qui hanno un volto e una voce e tante cose da insegnare oltre le pagine dei volumi che ne hanno consegnato le loro gesta alla Storia. Dopo tanto tempo, questo nostro lavoro, che si deve alla fattiva collaborazione tra attori e tecnici de I Teatrini con i responsabili dell’Orto Botanico di Napoli e dell’Università degli Studi di Napoli 'Federico II', è esso stesso una fiaba, con un 'lieto fine' che rinnoviamo insieme anno per anno”.

Stampa/PDF
Fiabe di Primavera