Filastrocche della Befana 3

Stampa/PDF

GIOVANNA LEPORE

UNA NOTTE DI SUPER-MAGIA!!!                    

La Befana salta e balla

quando vuole gioca a palla

tutto l'anno si prepara

per la notte a lei più cara

quella in cui ogni bambino,

al calduccio nel lettino,

spera proprio di trovare

tutto ciò che può sognare:

un trenino, un videogioco,

una bambola parlante,

un computer, una trousse,

il cellulare dell'ultimo istante...

caramelle, bei dolcetti, certo,

non posson mancare...

però, aspetta.....

e se ciò si potesse trasformare?!                                       

Tanti bimbi hanno nel cuore

il bisogno dell'amore,

della pace,

della speranza di dare un tetto alla loro stanza,

di avere una casa,

un futuro,

un domani da costruire con le proprie mani...

allora....Befana, ti prego, se vuoi,

riempi i cuori con più amore che puoi

finchè scoppieranno di pace e bontà

e tutta la Terra invasa sarà.

Lo so, non è facile ma.....

parola mia!!

Questa si che sarebbe

una... SUPER MAGIA!!


---------------------------------------------------------------------------- 

LUIGI SPERANDEO  

FILASTROCCA PRIMA DOPO                            

Bimbo bello, bimbo mio

Gioco tuo, gioco mio

Tuo sorriso batticuore

Lacrimoni crepacuore

Mano stretta, no paura

Salta in alto, sì avventura

Tuoi perché, per te, per cosa

Miei macchè, ma chi riposa

Voglio quello, quando dai

Se fai bravo, avrai avrai

Tempo andato, tu non più

Io ancora, vorrei, su

Dammi adesso, io son qui

Si riprende il gioco, si...


---------------------------------------------------------------------------- 

ANTONIO ADDATI

LA BEFANA NAPOLETANA                                    

‘A vicchiarella de’ stelletelle

cu ‘e cuscetelle ddoje sprucculelle,

cu ‘e cazettelle cu ‘e pertuselle,

‘na sarachella e ossapezzèlle.

‘A vicchiarella de’ stelletelle,

grade e gradelle viche e viarelle, 

‘ncopp’ ‘e scalella sbutecatelle 

zimperenella, sempe reselle.

‘A vicchiarella de’ stelletelle

cu a tammurrella, cu ‘e castagnelle,

la scartapella cu ‘e guarattelle,

a canestella cu ‘e pupatelle.

A vicchiarella de’ stelletelle,

‘Na putechella,cu ‘e bancarelle;

a piccerille, a piccerelle

‘e biancalille, ‘e butticelle.                                   

‘A vicchiarella de’ stelletelle

bbarra ‘e purtelle dò vascetielle,

pigli’’a scupella mett’’e chianelle;

‘a nunnarella arronz’e pazzielle.

‘A vicchiarella de’ stelletelle

na crianzella cu ‘e fettuccelle

a vranchetelle pe’criaturelle

‘e puverielle jett’ a na stella.

Traduzione dell’autore

La vecchierella delle stelline di Natale

ha due gambine come fuscelli,

indossa calzette bucherellate,

è un’ acciughina tutta ossa e pelle.

La vecchierella delle stelline di Natale

cammina, cammina per stradine, vicoli,

scale, gradini e spesso incespica                         

ma, come una ragazzina, non si lamenta.

La vecchierella delle stelline di Natale

ha il tamburello,le nacchere,

la scansia per le marionette,

la cesta per le bambole.

La vecchierella delle stelline di Natale

ha un bugigattolo con i banchetti

ai bimbi ed alle bimbe

regala bengali e mortaretti

La vecchierella delle stelline natalizie

sbarra la porta della sua casetta,

la nonnina recupera scopa e pianelle

e raccoglie tutti i giocattoli.

La vecchierella delle stelline di Natale

regali con nastri e fettucce

li dona a tutti i bimbi poveri

lanciandoli a manciate da una stella.


---------------------------------------------------------------------------- 

RITA CARUSIO

LA BEFANA UN PO’ MALDESTRA                             

La befana un po' maldestra

Ha buttato la minestra

Si è pentita a più non posso

ed è caduta dentro ad un fosso!

Tutta colpa della katana

che le ha strappato la sottana,

Oramai l'età imperversa

Non perdona, e lei si è persa!

Oh! Mia tenera vecchina

Prendi presto un'aspirina,

Altrimenti ai bimbi buoni

Chi porterà tutti quei doni?

Su fai presto, zitta e taci

che ti daranno tanti baci;

Incomincia la tua danza,

troverai anche tu una calza:

Cioccolato ,caramelle

e risate a crepapelle!

Ora che non son più bambina

Invidio tanto la vecchina,

Che per anni mi ha fatto sognare

Mentre ora non mi resta che sospirare!

Stampa/PDF
Filastrocche della Befana 3