FINALMENTE UNA CURA PER IL CANCRO?

Stampa/PDF
La notizia circola e noi ve la proponiamo così come ci giunta. Non vogliamo alimentare facili entusiasmi né il contrario ma per dovere dik cronaca  e completezza d'informazone crediamo che ognuno possa trarre le proprie conclusioni.

La metà dei pazienti che soffrono di cancro in stato terminale potrebbero recuperare completamente grazie ad un nuovo trattamento che ha stupito i medici in conseguenza del successo ottenuto in fase sperimentale. In questi studi medici, persone affette da tumore avanzato della pelle cui è stata somministrata una combinazione di farmaci per "togliere i freni" dal loro sistema immunitario alcuni  pazienti sono guariti prodigiosamente. Ciò in stadi avanzati del cancro del polmone e della pelle che erano stati precedentemente considerati terminali. Gli esperti ritengono che la combinazione di farmaci funzionerà anche su altri ceppi della malattia compreso il cancro della vescica e del rene.

Gli stessi ricercato hanno predetto "sempre più rapidi progressi" nel campo.

I risultati dei primi test della terapia su pazienti ammalati di cancro della pelle nel Regno Unito, USA, Israele e Francia sono stati pubblicati la scorsa settimana sul New England Journal of Medicine. Gli scienziati hanno studiato 142 pazienti, a 72 dei quali sono stati dati una combinazione di Nivolumab e Ipilimumab, due farmaci che agiscono sul sistema immunitario, mentre ad altri sono stati dati altri farmaci e un placebo. A quelli cui risultano somministrati entrambi i farmaci, il 61 % ha visto i loro tumori regredire nei successivi 12 mesi.

Il professor Peter Johnson, capo clinico dell'istituto Cancer Research del Regno Unito, ha dichiarato: "questi risultati sono molto meglio di quanto ci aspettassimo e siamo rimasti sorpresi e colpiti da quanto sono positivi, anche mentre le prove sono ancora in corso."Pensiamo che questo trattamento sarà efficace allo stesso modo in altri tipi di cancro, compreso quello alla vescica, testa e collo, rene e alcuni tipi di cancro intestinale."Questa cura ha aperto un nuovo iter di trattamento per i pazienti per i quali in precedenza avevamo poco da offrire" ha aggiunto il professor Johnson: "Credo che tra i prossimi cinque a 10 anni vedremo che molti pazienti hanno fornito ottime risposte a questo trattamento e crediamo che fino alla metà di questi pazienti si rivelerà essere guarito".

Le cellule tumorali, sopravvivono e si moltiplicano attraverso il rilascio di segnali che fermano il sistema immunitario dal suo compito di eliminarle. Il nuovo trattamento a base di Nivolumab e Ipilimumab comporta un'infusione di due diversi anticorpi che "toglie i freni" al sistema immunitario, permettendo così di cercare e distruggere le cellule maligne.

Le precedenti ricerche su più di 4.000 pazienti in tutta Europa avevano scoperto che fino a un quinto dei pazienti che ricevevano una versione meno sofisticata della terapia utilizzando uno solo di questi farmaci che agisce sul sistema immunitario erano liberi dal cancro dopo 10 anni.

Gli scienziati dicono che è necessario approfondire la ricerca prima che il trattamento che utilizza la combinazione dei due farmaci potrà essere disponibile per i pazienti al di fuori delle prove mediche. Ma il professor Johnson, che è anche capo della ricerca sul cancro presso l'Università di Southampton, ha detto: "questi risultati suggeriscono il trattamento sta funzionando in una proporzione elevata dei pazienti ed è efficace".

I risultati delle prove in questione su pazienti con stadi avanzati di cancro del polmone o della pelle saranno presentati sabato prossimo nella conferenza dell'American Society Of Clinical Oncology a Chicago. I ricercatori sveleranno anche i risultati eclatanti raggiunti.

In definitiva, una speranza per  milioni di persone che si ammalano del male del terzo millennio.
Stampa/PDF
FINALMENTE UNA CURA PER IL CANCRO?