Freddie Mercury, i ventotto anni dalla sua scomparsa

Stampa/PDF

Dici Queen e forse non pensi subito alla Regina d'Inghilterra ma bensì a uno dei gruppi più importante degli anni 70 e 80! Se parliamo di Queen è inutile girarci intorno, non possiamo evitare di parlare di una vera e propria icona culturale come Freddie Mercury. Il 23 novembre di quest'anno si è arrivati al ventottesimo anniversario dalla sua morte. 

Un uomo di nome Farrokh Bulsara

Non è un mistero che Freddie Mercury non sia il vero nome di battesimo del cantante dei Queen. Farrokh Bulsara nasce a Zanzibar nel 1946 da genitori parsi e trascorse gran parte della sua adolescenza tra Zanzibar ed India per poi arrivare definitivamente in Gran Bretagna nel 1964. Tra studi e diplomi, Farrokh inizia ad entrare in diversi gruppi locali britannici per poi finalmente nel 1968 entrare nei Queen composti da lui, Brian May, Roger Taylor e John Deacon (che entrò nel gruppo solamente nel 1971).

Freddie Mercury, ventotto anni dalla sua scomparsa

Tra Rio e Live Aid

Andando avanti senza soffermarci troppo sulle tante ed importanti tappe del successo dei Queen, possiamo trovare tra i momenti sicuramente più emozionanti della storia del gruppo inglese, il duetto di Freddie Mercury con un pubblico da record (250mila persone) sulle note di Love of My Life (dedicata a Mary Austin, sua compagna storica che, nonostante la successiva separazione, restò sempre al fiando di Freddie) quando la band prese parte a Rock in Rio; e l'esibizione, il 13 luglio 1985, al Live Aid, il concerto organizzato da Bob Geldof per raccogliere fondi in favore delle popolazioni etiopi colpite da una grave carestia.

La malattia e la morte

Arriviamo quindi al 1987 quando Freddie Mercury riceve la diagnosi che gli cambierà per sempre la vita. A seguito di alcuni problemi di salute e fatti alcuni esami specifici, risulta infatti positivo all’HIV. Referto che, pochi mesi dopo, si converte nella terribile conferma dell’AIDS. Dal quel momenti in poi sono davvero pochissime le persone che sono a conoscenza delle reali condizioni del cantante. Sarà lo stesso Mercury, il 22 novembre 1991, a far diffondere una nota stampa in cui spiegava il suo allontanamento dalle scene. "A seguito delle enormi congetture diffuse dalla stampa, desidero confermare di aver fatto il test per l'HIV e di avere l'Aids. Ho ritenuto corretto mantenere queste informazioni private fino ad oggi, al fine di proteggere la privacy di coloro che mi circondavano. Tuttavia, è giunto il momento per i miei amici e fan di tutto il mondo di conoscere la verità e spero che tutti si uniranno a me, ai miei dottori e a tutti quelli di tutto il mondo nella lotta contro questa terribile malattia”. Ventiquattro ore dopo, purtroppo arriva la notizia tanto temuta: la morte di Freddie Mercury.


Freddie Mercury, ventotto anni dalla sua morte

Gli ultimi momenti di vita raccontati dal manager

Dopo tanto tempo dalla scomparsa della leggenda musicale, il suo storico manager, Peter Freestone, ha voluto condividere gli ultimi istanti di vita di Freddie Mercury. Il manager spiega come Freddie avesse smesso di prendere le medicine (esclusi gli anti-dolorifici) trascorrendo gli ultimi giorni di vita circondato dagli affetti più cari. Peter Freestone dichiara con grande affetto che “Freddie rimase il Freddie che tutti noi conoscevamo, fino alla fine”.

Stampa/PDF
Freddie Mercury, i ventotto anni dalla sua scomparsa