Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli
  • Magazine
  • Attualità
  • Giornata mondiale per i diritti dell'infanzia: quanta strada da percorrere

Giornata mondiale per i diritti dell'infanzia: quanta strada da percorrere

Stampa/PDF

La giornata di oggi, quella del 20 novembre, segna l'arrivo della trentesima giornata mondiale per i diritti dell'infanzia. Una giornata che ha come obiettivo principale quello di ricordare a tutti quanto ancora ci sia da fare per rendere accessibili a tutti i bambini ed adolescenti i proprio diritti che sono sanciti all'interno della omonima carta firmata nel 1989.

Da dove nasce la giornata mondiale per i diritti dell'infanzia?

Il 20 novembre non è una data a caso per questa giornata. Era, infatti, il 20 novembre del 1989 quando a New York negli Stati Uniti d'America venne siglata ed approvata una importante convenzione che avrebbe avuto la funzione di creare una base e uno strumento giuridico a ogni sforzo compiuto in materia di difesa dei diritti dei bambini.

La Convenzione, siglata durante l'Assemblea dell'Organizzazione delle Nazioni Unite, è stata poi ratificata (ad oggi) da 194 Stati ad eccezione degli Stati Uniti mentre l'ultima nazione in ordine cronologico ad aver aderito a questa convenzione è stata la Somalia. La Convenzione è stata ratificata dall'Italia il 27 maggio 1991 con la legge n. 176.

Il rapporto UNICEF

Trent'anni dopo cosa è cambiato?

Arrivati al trentesimo “anniversario” della convenzione, la domanda sorge spontanea:”Dall'introduzione di questo accordo, cosa è cambiato? Ci sono stati progressi?”. I progressi e i traguardi raggiunti in questo periodo di tempo sono analizzabili dall'ultimo rapporto dell'UNICEF (Il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia) dal titolo “Ogni Diritto per Ogni Bambino - La Convenzione sui Diritti dell'infanzia e dell'adolescenza a un punto di svolta” che spiega come nel corso degli anni sono stati raggiunti traguardi molto importanti per i bambini di tutto il mondo.

Il rapporto evidenzia come negli ultimi 30 anni:

  • Il tasso globale di mortalità tra i bambini sotto i 5 anni è diminuito di circa il 60%
  • Il numero di bambini in età da scuola primaria che non vanno a scuola è sceso da 18 a 8%;
  • I principi cardine della Convenzione (non discriminazione, superiore interesse del minore, diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo, diritto alla protezione) hanno influenzato in tutto il mondo Costituzioni e leggi nazionali, politiche sociali e pratiche

Quanto ancora c'è da fare

Il rapporto dell'UNICEF, però, ricorda come ancora molto ci sia da fare. Nonostante gli incoraggianti risultati ottenuti in trent'anni, molti sono ancora i problemi da affrontare tra povertà, discriminazione, esclusione sociale, analfabetismo, guerre, crescente xenofobia e la crisi globale dei migranti e rifugiati che continuano a colpire milioni fra i bambini più svantaggiati andando quindi a creare un impatto devastante sui progressi globali.

In conclusione, per accelerare i progressi e colmare le lacune esistenti, il rapporto UNICEF chiede alcune misure concrete come:

  • raccogliere più e migliori dati statistici
  • scalare le soluzioni e gli interventi di provata efficacia
  • stanziare maggiori risorse economiche
  • coinvolgere i giovani nella creazione di soluzioni
  • applicare principi di equità e parità di genere nella programmazione 
Stampa/PDF
Giornata mondiale per i diritti dell'infanzia: quanta strada da percorrere