• Magazine
  • Economia
  • Giurisdizioni non cooperative: l'Unione Europea elimina due Paesi dalla lista

Giurisdizioni non cooperative: l'Unione Europea elimina due Paesi dalla lista

Stampa/PDF

Il Consiglio Europeo ha convenuto di rimuovere gli Emirati arabi uniti (EAU) e le Isole Marshall dalla lista UE delle giurisdizioni non cooperative a fini fiscali. Ha inoltre rilevato che l'Albania, il Costa Rica, Maurizio, la Serbia e la Svizzera rispettano tutti gli impegni in materia di cooperazione fiscale.

Gli EAU e le Isole Marshall hanno entrambi approvato le riforme necessarie per onorare gli impegni assunti al fine di migliorare entro la fine del 2018 il loro quadro politico in materia fiscale, introducendo requisiti relativi all'attività economica effettiva. Di conseguenza, gli EAU sono ora conformi a tutti gli impegni in materia di cooperazione fiscale e possono essere rimossi dalla lista. Le isole Marshall saranno spostate dall'allegato I delle conclusioni all'allegato II in quanto gli impegni del paese in materia di scambio di informazioni su richiesta continuano a essere monitorati dal Gruppo "Codice di condotta" del Consiglio in attesa dei risultati della revisione del forum globale dell'OCSE sulla trasparenza e lo scambio di informazioni.

L'impegno delle giurisdizioni non cooperative eliminate dall'elenco
Albania, Costa Rica, Maurizio, Serbia e Svizzera hanno attuato in anticipo rispetto al termine stabilito tutte le riforme necessarie per conformarsi ai principi di buona governance fiscale dell'UE. Tali paesi saranno rimossi dall'allegato II delle conclusioni.

Il 30 giugno 2019 il Consiglio ha inoltre esaminato la situazione delle giurisdizioni dopo la scadenza dell'eccezione "due su tre" per i criteri sulla trasparenza fiscale. L'eccezione prevedeva che i paesi che rispettavano soltanto uno dei tre sottocriteri sulla trasparenza fiscale non fossero elencati nell'allegato I. Il Consiglio ha concluso che tutte le giurisdizioni interessate rispettavano i tre criteri di trasparenza fiscale dell'UE. In particolare, per quanto riguarda la situazione degli Stati Uniti, il Consiglio ha convenuto che la loro rete di scambio di informazioni è sufficientemente ampia da coprire tutti gli Stati membri dell'UE, consentendo in modo efficace sia lo scambio di informazioni su richiesta che lo scambio automatico di informazioni in linea con le norme internazionali e le rispettive esigenze di entrambe le parti.

Inoltre, il Consiglio ha approvato ulteriori aggiornamenti dell'allegato II e gli orientamenti sui regimi di esenzione da tassazione dei redditi da fonte estera. Il Consiglio ECOFIN del 12 marzo 2019 aveva constatato con preoccupazione la sostituzione delle misure fiscali preferenziali dannose con misure di analogo effetto in alcune giurisdizioni.

Stampa/PDF
Giurisdizioni non cooperative: l'Unione Europea elimina due Paesi dalla lista