Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli

Google ricorda gli Stivali di gomma Wellington

Stampa/PDF

Si chiamano Wellington boots gli stivali di gomma che Google ha ricordato con un doodle il 5 dicembre quando, un’alluvione senza precedenti, mise in ginocchio il Regno Unito

 La storia del duca di Wellington e dei suoi stivali

 Il nome degli stivali in gomma Wellington è strettamente legato a quello di un certo Arthur Wellesley (1769-1852), duca di Wellington, uomo politico irlandese e abile militare che riportò numerose vittorie contro l’esercito di Napoleone tra cui quella decisiva nella battaglia di Waterloo. Il duca di Wellington era ossessionato dalle sue calze che considerava preziosissime perché lavorate a mano. Cercò allora di escogitare un modo per tenere all'asciutto i piedi e non rovinarle. Incaricò un calzolaio di realizzargli un paio di stivali in pelle da trattare con la cera in modo da assicurarne l’impermeabilità.

Gli stivali furono un successo. Superarono battaglie e luoghi impervi, preservando le calze e i piedi del duca.  Da quel momento, il duca di Wellington non riuscì a farne a meno e iniziò ad indossarli anche in città, iniziando una vera e propria moda a cui la nobiltà del XIX non riuscì a sottrarsi. Il largo uso ne impose una maggiore produzione, così nel 1856 venne fondata la British Rubber Company che iniziò a produrre stivali di gomma. Da quel momento lo stivale iniziò ad essere indispensabile per i soldati che li usarono nella Prima e nella Seconda guerra mondiale. Successivamente, l’uso si diversificò, e lo stivale di gomma Wellington passò dai campi di battaglia ai campi degli agricoltori fino a diventare una scarpa fondamentale per i pescatori e poi, in epoca moderna, un capo di abbigliamento molto in voga per adulti e bambini.

5 dicembre 2015,  alluvioni nel Regno Unito

 E’ questo il motivo per cui Google ha ricordato i mitici stivali Wellington. Proprio in quella data, infatti, Inghilterra, Galles e Scozia subirono inondazioni senza precedenti. Piogge torrenziali sommersero abitazioni e villaggi costringendo migliaia di persone a lasciare le proprie abitazioni. Ieri Google ha ricordato quell'evento e lo ha fatto dedicando il suo calendario agli stivali per la pioggia Wellington boots.

Pratici, colorati ma innanzitutto di gomma, gli stivali Wellington sono utilizzati prevalentemente per le attività agricole, per la pesca, per camminare in zone fangose e per proteggersi dall’acqua alta.  Da qualche anno però, sono tornati di moda e in giro se ne possono trovare di tutti i tipi: al ginocchio, leggermente più bassi, super colorati e dalle fantasie più stravaganti. Gli stivali di gomma Wellington, o “Willies” come vengono chiamati dagli inglesi, hanno il pregio di essere molto confortevoli grazie alla suola in gomma robusta ma anche molto comoda.

Stampa/PDF
Google ricorda gli Stivali di gomma Wellington