GRECIA: PERICOLO NUOVO FASCISMO

Stampa/PDF

Mentre in Europa non si riesce a trovare un solo punto di accordo per intervenire e la sinistra europea è assolutamente allo sbando, un incontro a Napoli per dibatterne insieme a  Antonello Petrillo (sociologo, Università degli Studi di Napoli "Suor Orsola Benincasa"), Antonio Fiore (giornalista, Corriere del Mezzogiorno) e Maurizio Del Bufalo (Associazione "Cinema e Diritti", coordinatore del Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli)

Non si ferma la rete del Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli. Dopo la serata di festeggiamenti con la proiezione dei film vincitori dell'edizione 2012 nel corso di AstraDoc, un nuovo appuntamento è ora previsto per venerdì 22 marzo alle ore 19,00 presso l'ex Asilo Filangieri, nel cuore antico del capoluogo partenopeo. L’incontro, promosso dall’Associazione “Cinema e Diritti” e dall’Università degli Studi di Napoli "Suor Orsola Benincasa", intende offrire un contributo alla conoscenza di alcuni aspetti meno noti della situazione sociopolitica determinatasi in Grecia negli ultimi mesi, anche in considerazione degli equilibri politici conseguenti alle recenti elezioni tenute in Francia e in Italia e del silenzio dei media in merito a questa grave emergenza democratica. A introdurre la serata saranno Maurizio Del Bufalo, coordinatore del Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli e Antonello Petrillo, sociologo, che ha curato l’organizzazione del convegno internazionale “Guerre per i diritti/Guerre contro i diritti? – Globalizzazione e crisi della democrazia” che si terrà a Minori (SA) dal 24 al 27 marzo 2013 e di cui il prof. Lianos sarà ospite e animatore. A curare l’intervista con Michaelis Lianos sarà il giornalista del Corriere del Mezzogiorno, Antonio Fiore, che segue da tempo il Festival per conto del suo giornale.

Michaelis Lianos è professore di sociologia presso l'Università di Rouen (Francia, Haute-Normandie). è stato Lecturer presso l'Università di Londra (Goldsmiths College) e Direttore del "Centro per Empirically Informed Social Theory" (CEIST) presso l'Università di Portsmouth. Lavora sulla teoria “anempirically informed” della transizione socio-economica e socio-culturale nella tarda modernità. Ha coordinato il progetto europeo "Incertezza e insicurezza in Europa" e co-diretto The European Observatory sulla libertà e sicurezza presso l'Istituto di Scienze Politiche di Parigi. E’ stato anche lead partner del progetto integrato europeo «Il mutevole scenario della Libertà e della Sicurezza in Europa» ed è uno dei responsabili del quadro concettuale del progetto integrato europeo «Analisi di microlivello dei conflitti violenti», a cui partecipano 22 università con 28 progetti in 50 paesi. Numerosissime le sue pubblicazioni: “Un contributo critico negli anni dell’incertezza” 2007; “Incertezza sociale e rischi globali”, “Energia e Cultura: prospettive sul potere del lavoro”, 2006; “Il controllo sociale dopo Foucault - Sorveglianza e società” 2003; “Deleuze, Foucault e il controllo sociale” 2005; “Rischio e potere: la sfida della depoliticizzazione” 2004; “Il nuovo controllo sociale” 2001, recentemente tradotto in Italiano; ”Sicurezza, Devianza e controllo: La transizione postindustriale dai valori ai risultati” 2001; con Mary Douglas “Pericolosità e fine della devianza” 2000, “Criminologia e teoria sociale” 2000, e molte altre.

Michaelis Lianos è Honorary Fellow Senior Research della Università di Portsmouth e associated researcher al Centro Maurice Halbwachs di ricerca presso l 'Istituto Nazionale di Ricerca (CNRS), la Scuola Nazionale Francese delle Scienze Sociali (EHESS), l'Ecole Normale Supérieure di Parigi (ENS) e l'Università di Caen. Ha organizzato le conferenze «Alterità e insicurezza» nel maggio 2007 e «L’influenza della resistenza: l’indipendenza accademica e i suoi nemici”. Michaelis è avvocato della Athens Bar Association.

Nel corso della serata, è prevista l'interazione con il pubblico, il quale potrà porre domande e offrire spunti di riflessione al prof. Lianos.

Stampa/PDF
GRECIA: PERICOLO NUOVO FASCISMO