Halloween in Jazz

Stampa/PDF
Halloween, che molti conoscono come una festa di importazione americana, vissuta al gridolino fanciullesco di “Dolcetto o scherzetto” ha radici arcaiche nella festa di origine celtica di Samhain, con cui i popoli antichi celebravano il passaggio stagionale attraverso una serie di rituali magici.

In questa occasione il confine che separa i morti dai vivi diviene più labile e sono possibili contatti e comunicazioni tra i due mondi. E’ essenzialmente un momento in cui si celebrano le divinità tutelari del culto dei morti e tale festa ha molti punti di contatto con la nostra festività dedicata a Tutti i Santi. Alcuni rituali, poi, che ricordano quelli di ascendenza celtica, si ritrovano proprio nel Sud Italia.

Non è un caso che si sia scelto di celebrare questa ricorrenza a ritmo di neapolitan gipsy jazz.

Infatti, come ci ricorda Toquato Tasso, “La musica è una delle vie attraverso le quali la nostra anima torna al cielo”.

Ecco che sabato 31 ottobre scatterà l’ora di Halloween in Jazz (alle 21.30 a Palazzo Venezia ,via Benedetto Croce).

Con Mario Romano, che suonerà la sua chitarra classica, capace di evocare intense suggestioni, sul palco si incontrano e si fondono altre tre anime e cifre stilistiche: Luigi Esposito al pianoforte, Ciro imperato al basso ed Emiliano Barrella alla batteria.

Anche le radici del jazz sono un impasto di più anime: la tradizione musicale afroamericana ed il regtime pianistico euro-americano. Questa mistione si ritrova e si enfatizza nel neapolitan gipsy jazz dove a forti radici territoriali partenopee si mescolano vari ritmi dal mondo: dalla malinconia della Francia al ritmo corale dell’Europa centrale, passando per il calore dell’Africa e l’allegria del Brasile.

Ed anche Palazzo Venezia costituisce un punto di snodo tra varie culture, tempi e stili. Luogo nevralgico per gli scambi, fu donato a Venezia per accogliere i suoi delegati e permettere di compiere, nei suoi spazi, trattative delicate.

Sebbene lo stile sia prevalentemente neoclassico, si pensi ad esempio alla casina Pompeiana, essendo legato a doppio filo a alla Repubblica Marinara, il Palazzo respira un po’ di quell’atmosfera gotica e noir, figlia dell’incontro tra il buio e la luce (non a caso celebrato da Halloween), che nella Serenissima si ritrova architettonicamente specialmente nelle facciate di  Palazzo Ducale ed in quelle di Ca’ D’Oro.

Stampa/PDF
Halloween in Jazz