I ragazzi del "Freccia azzurra"

Stampa/PDF

Si è concluso, con la consegna degli attestati di partecipazione, il progetto “Freccia Azzurra”, nato dalla collaborazione tra Fondazione di Comunità del Centro Storico di Napoli e Ministero di Giustizia – Dipartimento per la Giustizia minorile, Rossopomodoro, I Bar Academy e Rete ferroviaria italiana-RFI (gruppo FS).

I corsi per barman, barista e pizzaiolo, presentati lo scorso 28 aprile alla presenza del Sottosegretario alla Giustizia Gennaro Migliore, si sono svolti negli spazi rinnovati e arredati grazie al sostegno della Fondazione BNL, della Fondazione Terzo Pilastro e di Fondazione Con il Sud, e sono stati realizzati con l’obiettivo di formare lavoratori nel ramo food & beverage di eccellenza.

I corsi di formazione hanno previsto una prima parte prettamente teorico/pratico, in cui i 16 giovani partecipanti, provenienti sia dall’area penale sia segnalati alla Fondazione da associazioni, parrocchie e agenzie sociali, hanno potuto apprendere nozioni e tecniche di preparazione da professionisti provenienti da aziende leader nel mercato, da Rossopomodoro a Feudi di San Gregorio e Gancia.

La seconda, ancora in fase di svolgimento, ha permesso ai ragazzi di frequentare uno stage negli esercizi commerciali di settore, permettendo loro di mettere in pratica tutti gli insegnamenti appresi durante i primi mesi e di approfondirne e conoscerne di nuovi.

Alla consegna degli attestati hanno partecipato Adriano Giannola - Presidente della Fondazione di Comunità del Centro storico di Napoli, Antonio Cardone - Presidente I Bar Academy, Roberto Imperatrice - Socio Fondatore Rossopomodoro, Fabrizio Torella - Responsabile attività sociali Gruppo Ferrovie dello Stato, Giuseppe Centomani - Direttore centro per la giustizia minorile della Campania, e Chiara Marciani - Assessore alla Formazione e Pari Opportunità Regione Campania.

Stampa/PDF
I ragazzi del "Freccia azzurra"