I SUONI DI NAPOLI

Stampa/PDF

Un cartellone di musica classica per tutti alla Christ Church

Si alza il sipario sulla 3° edizione de ''I Suoni di Napoli 2008''. Le pagine più collaudate ma anche quelle meno eseguite del repertorio cameristico classico, un singolare programma di ''ballabili'' e una commedia musicale contemporanea. La stagione 2008 de ''I Suoni di Napoli'' realizzata dall'Associazione Professori Orchestra Alessandro Scarlatti è stata concepita dal suo direttore artistico Luigi Borriello all'insegna della qualità e della varietà artistica per attrarre le più diverse fasce di pubblico. Il cartellone prevede 9 concerti che si terranno dal 10 ottobre al 18 dicembre nella Christ Church (Chiesa Britannica) di via San Pasquale a Chiaja, sede, ormai tradizionale, della manifestazione, giunta alla 3° edizione. Gli eventi si svolgeranno ogni venerdì dal 10 ottobre al 28 novembre con inizio alle ore 20. ''I Suoni di Napoli'' faranno pausa fino a giovedi' 18 dicembre allorche' nella settimana che precede il Santo Natale presenteranno l'ultimo concerto della stagione: il grandioso oratorio Messiah per soli, coro e orchestra di Georg Friedrich Handel. Gli appuntamenti. ''I Suoni di Napoli 2008'' saranno inaugurati venerdi' 10 ottobre (ore 20) dai Cameristi dell'Associazione e dal violinista Aldo Matassa che presenteranno ''Le quattro Stagioni'' di Antonio Vivaldi.Venerdi' 17 ottobre, ore 20, Fabio Menditto al mandolino, Fabio Refrigeri alla chitarra e Angelo Ercoli al contrabbasso ci accompagneranno in un emozionante itinerario musicale alla riscoperta dei ballabili ''Italian Old Style''. Si tratta di musiche, esclusivamente italiane, di carattere popolare composte tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo che all'andamento di danza (valzer, polka, mazurca, tarantella) uniscono il rigore dello stile e il virtuosismo degli esecutori. Venerdi' 24 ottobre, ore 20, da non perdere ''Pulcinella in Turcheria'', pie'ce fantastica tratta dalla trilogia ''Gli straordinari viaggi di Pulcinella servitore di Don Oronzo Acquadipozzi barone di Roccapipirozzi'' di Raffaele Manna e rivestita dalle note di Mario Rucci. A calarci nella turchesca atmosfera delle esilaranti avventure di Pulcinella, viaggiatore suo malgrado, saranno i Cameristi dell'Associazione diretti dal maestro Raffaele Napoli, un gradito ed applauditissimo habitue' della rassegna sin dalla prima edizione. Venerdi' 31 ottobre, Gaetano Falzarano al clarinetto e Lino Costagliola al pianoforte proporranno alcuni tra i brani piu' famosi composti per tali strumenti: la Sonata op. 120 n°1 di Johannes Brahms, la Premie're Rapsodie di Claude Debussy e la Sonata di Francis Poulenc. Venerdi' 7 novembre, ore 20, atmosfera mistica con la Schola Gregoriana della Basilica della Pietrasanta diretta da Vincenzo De Gregorio (organista e maestro di Cappella del Duomo di Napoli) in un repertorio naturalmente tutto gregoriano da Agostino d'Ippona a Bonaventura da Bagnoregio e Bernardo di Chiaravalle.Venerdi' 14 novembre, ore 20, si esibira' il Trio Nicola Sala, in un concerto dedicato all'indimenticabile e celebre pianista Sergio Fiorentino. L'ensemble, composto da Giulio Rovighi (violino), Gianluca Giganti (violoncello), Paola Volpe (pianoforte) che del maestro e' stata allieva, eseguira' la Sonata in Fa maggiore op. 24, nota come La primavera, per pianoforte e violino e la Sonata n. 4 in Do maggiore di Beethoven e il Trio n. 3 in Do minore op. 101 di Johannes Brahms. Venerdi' 21 novembre, ore 20, una gemma novecentesca di rara esecuzione: il Requiem op. 9 per Coro e Organo del compositore francese Maurice Durufle'. In scena i solisti e la compagine corale The Choral Scholars di Napoli diretti da Ronald Butts- Boehmer. All'organo sara' Jesse Eschbach. La serata e' condotta in collaborazione con l'University of North Texas. Venerdi' 28 novembre, ore 20, per i piu' romantici la grande musica a lume di candela: i Cameristi dell'Associazione e una coppia vocale di grande richiamo Barbara Luccini (soprano) e Marco Voleri (tenore) presenteranno i brani piu' amati dai melomani in un denso programma che spazia dal sacro al profano fino all'opera e si estende in un lungo arco temporale da Alessandro Scarlatti a Johann Sebastian Bach, da Pergolesi a Mozart e Schubert fino a Rossini, Bellini e Verdi. ''Candlelight'' e' realizzato in collaborazione con l'ensemble ''Musica in maschera''. Giovedi' 18 dicembre, alle ore 19, in pieno clima prenatalizio l'Orchestra Alessandro Scarlatti diretta da Paolo Ponziano Ciardi chiudera' la 3° edizione de ''I Suoni di Napoli'' con le note solenni del Messiah di Handel. Grazie all'appassionata dedizione dell'Associazione Professori Orchestra Alessandro Scarlatti e del suo presidente Luigi Borriello nonche' al sostegno dell'I.M.A.I.E. (Istituto per la Tutela dei diritti degli Artisti, Interpreti, Esecutori), la Rassegna ''I Suoni di Napoli'', in soli tre anni di attivita', e' diventata un'importante realta' nel panorama musicale non solo partenopeo ma anche nazionale. L' iniziativa quest'anno si avvale del patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attivita' culturali, della Regione Campania, del Comune e della Provincia di Napoli.

Stampa/PDF
I SUONI DI NAPOLI