I videogiochi vanno al museo con nintendo labo

Stampa/PDF

Giocare è una cosa seria: è il metodo migliore per imparare e apprendere, soprattutto per i più piccoli. In un Paese come l’Italia, in cui il 57% della popolazione si definisce videogiocatrice, la potenzialità educativa del medium videoludico può arrivare a toccare ben 17 milioni di persone. Ed è per questo che Nintendoleader mondiale nella creazione e nello sviluppo di intrattenimento interattivo, da sempre attenta ai risvolti formativi dei suoi prodotti, ha deciso di fare il suo ingresso ufficiale nei musei italiani con Nintendo Labo, una nuova linea di esperienze interattive basata sul gioco e sulla scoperta. Da Milano a Roma, passando per GenovaPerugia e Napoli: saranno ben 5 i musei dove adulti e bambini potranno divertirsi a più non posso partecipando a workshop e laboratori che, unendo l’utile al dilettevole e mixando l’analogico al digitale, elimineranno il gap tecnologico tra genitori e figli, coinvolgendo la famiglia al completo.

A dare il via la Città della Scienza di Napoli: tutti i weekend fino al 24 giugno, all’interno di Corporeail primo museo interattivo d’Italia sul corpo umanola prevenzione e la salute, e nelle altre aree espositive, grandi e piccini scopriranno l’innovativo Nintendo Labo con un approccio del tutto inedito. Per imparare, divertendosi! Appassionati di tutte le età potranno trasformare dei semplici fogli di cartone in creazioni interattive chiamate Toy-Con, progettate per funzionare con la console Nintendo Switch e i controller Joy-Con. Che sia un pianoforte a 13 tasti perfettamente funzionante o il manubrio di una motocicletta, un robot, una casa o una canna da pesca, come per magia, il bello sarà vederli animati su schermo e scoprire tutti i segreti che stanno dietro la tecnologia rivoluzionaria che permette tutto ciò. Pane per i nativi digitali, nonché risorsa inestimabile per i loro genitori.

Montagioca e scopri: ecco il leitmotiv dei workshop Nintendo Labo. Un filo conduttore che permetterà a tutti di seguire le varie fasi creative, partecipando attivamente a ognuna di esse. In primis si monta, assemblando i fogli di cartone e personalizzando con fantasia ed estro la propria creazione. Dopo di che, si gioca, vivendo l’emozione unica di vedere una macchinina di cartone prender vita e animarsi, pilotandola a destra e sinistra grazie all’incredibile interazione con la console Nintendo Switch. Per finire, con il Garage Toy-Con, si scopre come creare da zero il proprio giocattolo di cartone personalizzato o riprogrammarne uno già esistente: l’unico limite è la fantasia. Grazie a un’interfaccia semplificata in cui è possibile selezionare fattori di causa ed effetto, chiunque può imparare le basi della programmazione, anche i più piccoli. Ed è così che educazione e gioco diventano un tutt’uno!

Dopo la Città della Scienza di Napoli, sarà la volta dell’Explora, il Museo dei bambini di Roma: qui i laboratori si terranno durante il Campus Estivo,dall’11 giugno al 14 settembre. La Città dei bambini e dei ragazzi di Genova, invece, ha in calendario un primo weekend di laboratori esclusivamente per le famiglie il 26 e 27 maggio, mentre dal 13 giugno al 14 settembre potranno partecipare tutti i bambini tra i 6 e i 10 anni iscritti ai campus estivi. Anche il Post, il Museo della Scienza di Perugia, e il MUDEC, il Museo delle Culture di Milano, ospiteranno i workshop Nintendo Labo durante i loro Campus Estivi previsti dall’11 giugno al 9 settembre.

Stampa/PDF
I videogiochi vanno al museo con nintendo labo