Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli
  • Magazine
  • Sport
  • Ibrahimovic al Milan: il ritorno dello svedese all'ombra del Duomo

Ibrahimovic al Milan: il ritorno dello svedese all'ombra del Duomo

Stampa/PDF

A volte ritornano” e per uno come lo svedese è davvero qualcosa di non così scontato. Ibrahimovic è ad un passo dal ritorno ai rossoneri del Milan. Il centravanti trentottenne era alla ricerca di una sfida e pare che quella degli uomini di Pioli sia quella giusta per lui.

Un viaggiatore in tutti i sensi

Lo sappiamo, l'attaccante svedese non è mai rimasto troppo tempo con la stessa squadra. Ha, da sempre, preferito cambiare team al fine di cercare nuovi stimoli e magari nuovi trofei. Malmo, Ajax, Juventus, Inter, Barcellona, Milan, PSG e infine LA Galaxy.

Otto squadre, in sei stati differenti per un bottino davvero immenso di trofei e titoli individuali. Le soddisfazioni non sono mancate ma la fame c'è ancora e Zlatan è affamato di gol e vittorie. Quindi a 38 anni ha deciso di dire addio (a modo suo) a Los Angeles e tornare in Europa! Destinazione? All'inizio è stato un piccolo mistero però dopo mesi di indiscrezioni, Ibrahimovic ha trovato l'accordo giusto con il Milan.

Zlatan per salvare la Milano rossonera

Inter e Milan erano chiamate alla riscossa dopo anni di anonimato ma mentre i neroazzurri con Conte hanno ingranato la marcia giusta, i rossoneri sono rimasti sin da subito indietro in classifica. Risultato negativo dopo risultato, il Milan non ingrana e neanche il cambio di mister (da Giampaolo a Pioli) sembra aver portato aria fresca.

Il gioco non convince, i risultati non arrivano e soprattutto i calciatori non riescono a dare il massimo. Quindi toccherà allo svedese prendersi la squadra sotto la sua ala protettrice e rispedirla nei piani alti della classifica per provare almeno una qualificazione in Europa League.

Con Ibrahimovic al Milan si apre il mercato di riparazione invernale

Questo colpo di mercato da in realtà ufficiosamente inizio al mercato di gennaio. Tante le squadre che sono già al lavoro per trovare i migliori affari per rinforzare le proprie rose. Dalle prime della classe che voglio imporsi in maniera definitiva fino alle ultime in classifica che devono entrare nel vivo nella lotta per la permanenza nella massima serie italiana. Insomma, Ibrahimovic al Milan è solo l'inizio di mese di gennaio di fuoco per il calciomercato italiano.

Stampa/PDF
Ibrahimovic al Milan: il ritorno dello svedese all'ombra del Duomo