Il bicentenario del Museo del Prado di Madrid

Stampa/PDF

Il Museo del Prado di Madrid festeggia il suo bicentenario. Per questa occasione speciale, il polo museale icona della Spagna, scrigno di opere di alta qualità e grande prestigio, ha allestito mostre speciali e organizzato eventi e spettacoli. L'arte italiana sarà presente con le sue collezioni permanenti e due mostre speciali.

La storia
Il Museo del Prado di Madrid fu realizzato, su progetto di Juan de Villanueva, per volere del re Carlo III di Borbone, completato con il suo successore, Carlo IV, e inaugurato, nel 1819, appunto, sotto il regno di Ferdinando VII. Nato per testimoniare il gusto, in fatto d'arte, dei sovrani, che gli vollero dare il nome di Museo Real de Pintura y Escultura, superò indenne la rivoluzione spagnola del 1868 che volle ribattezzarlo, come spesso accade i questi frangenti, col nome di Museo Nacional. Il Novecento, con i suoi conflitti e un nuovo ordinamento costituzionale, impose un nome più neutro ed ecco Museo del Prado, dalla sua posizione sul prato antistante la Chiesa de los Jeronimos.

la maya desnuda è uno dei quadri del museo del prado di madrid

Le collezioni
All'apertura, il 19 novembre, il Museo del Prado di Madrid, espose 311 dipinti di autori spagnoli scelti personalmente dai reali. Un numero destinato a crescere, grazie all'aggiunta di altre collezioni reali, ed elargizioni di donatori privati e di musei, chiese e conventi soppressi. Durante la Guerra Civile, nel 1936, le varie raccolte furono trasferite in Svizzera per farvi ritorno due anni dopo. Nonostante il passare del tempo e l'alternarsi delle vicende, questo patrimonio dal valore inestimabile non ha mai perso la sua caratteristica principale: riunire opere spagnole, italiane e fiamminghe. Nelle sale del maestosto palazzo, si possono, infatti, ammirare, infatti, quadri di Rubens, Velasquez, Tiziano, Raffaello, van der Weyden, Brueghel o van Dick e Bosh.

una delle opere esposte al museo del prado di madrid

La regina di questo tesoro, opera simbolo del Museo, è Las Meninas di Velasquez, che ritrae la famiglia reale spagnola in cui l'infanta Margherita è al centro del quadro che guarda l'osservatore mentre il Re e la Regina sono in posa nel riflesso di uno specchio.

Altra gloria nazionale sono senz'altro La maya desnuda, La maya vestida e Le fucilazioni del 3 maggio di Goya, mentre per la pittura italiana e fiamminga le opere più significative sono L'annunciazione di Beato Angelico, Il Giardino delle delizie di Bosch, la Fonte della Grazia della Scuola di van Eyck. Opere, queste ultime, che hanno subito un delicato intervento di restauro ad opera di un laboratorio sito all'interno dello stesso Museo.

le opere del goya sono esposte presso il museo del prado di madrid

Le celebrazioni per il bicentenario del Museo del Prado di Madrid
Per celebrare questa importante ricorrenza, il Museo del Prado di Madrid ha inaugurato il 19 novembre una mostra dedicata ma i festeggiamenti veri e propri si terranno nelle giornate del 23, 24 e 25 novembre, quando il Museo avrà ingresso gratuito. Nella notte del 24 ci sarà uno spettacolo di fuochi pirotecnici, una proiezione di videomapping sulle facciate dell'edificio e uno spettacolo di teatro aereo.

L'arte italiana sarà grande protagonista di queste celebrazioni con diverse mostre sul Rinascimento. Oltre alle opere, risalenti a questo periodo, saranno presentate due figure femminili del Rinascimento poco note: Sofonisba Anguissola e Lavinia Fontana. La prima fu pittrice amatoriale esperta nei ritratti, la seconda invece intraprese la professione di pittore aprendo anche una propria bottega, cosa che all'epoca era usuale solo per gli uomini.

Stampa/PDF
Il bicentenario del Museo del Prado di Madrid