Il caso Simon Sword

Stampa/PDF
"Non servono grandi romanzi per arrivare al cuore dei lettori, a volte basta una semplice fiaba". A dirlo l'autore Simon Sword, pseudonimo d'arte di Simone Spada, 38 anni originario di Milano, fresco degli oltre 30.000 ebook venduti nell'ultimo anno.

"La città degli aquiloni" fiaba pubblicata e distribuita in formato digitale nel maggio dello scorso anno, è stata la fiaba più acquistata su Amazon nel 2017.

Migliaia di copie vendute in brevissimo tempo e l'unico Kindle per bambini presente tra i grandi bestseller internazionali.

Un risultato incredibile, se si considera lo stato in cui versa il mercato editoriale nel nostro paese e se si pensa al fatto che l'autore, non ha alcuna casa editrice alle spalle.

Un successo quello del libro "La città degli aquiloni" che giunge qualche mese dopo l'ottimo esordio dell'autore, nel mondo dell'editoria per bambini. Simon Sword infatti si è fatto conoscere al grande pubblico grazie al volume "Il mio amico Alfred" una fiaba per grandi e piccini, che per la prima volta ha trattato e raccontato in un modo del tutto nuovo un argomento molto delicato come quello della disabilità infantile.

Entrambi i titoli e gli incredibili dati di vendite lo portano a fare da relatore, alla passata edizione della fiera di libri per ragazzi più importante d'Europa: il Bologna Children's Book Fair. (vedi foto)

"Amazon doveva scegliere un solo autore in tutta Italia, che senza il supporto di case editrici avesse ottenuto grandi risultati, grazie alla loro piattaforma di self publishing e tra migliaia di persone avevano scelto proprio me. Nei mesi successivi molte scuole per l'infanzia sparse un po' ovunque in Italia mi hanno contattato informandomi che 'La città degli aquiloni' era stato inserito nel loro programma scolastico, a scopo didattico, e nel frattempo, il formato kindle del libro si era posizionato in classifica davanti agli ultimi bestseller di Dan Brown e Ken Follett. Tutto ciò non mi ha minimamente distratto e nel frattempo sono andato avanti a scrivere altri libri per bambini, che spero vedranno presto la luce" racconta l'autore.

Diverse case editrici si sono fin da subito interessate ai lavori di Simon Sword e attualmente sono in corso trattative per la pubblicazione in formato cartaceo di entrambi i titoli.

L'autore però non risparmia qualche frecciatina ai grandi distributori:

"La lentezza è il denominatore comune che ruota attorno all'editoria italiana. Lenti nelle scelte, lenti nelle decisioni, lenti nelle comunicazioni, ma il vero problema a mio avviso è un altro.

Ogni anno il 70% dei titoli per bambini, presenti nei vari megastore e nelle librerie sono di autori esteri, già noti e che hanno alle spalle una gloriosa carriera.

Il facile lavoro di traduzione porta facili ricavi, ma allo stesso tempo penalizza indubbiamente una vasta schiera di autori italiani, anche esordienti, che hanno talento da vendere e nulla hanno da invidiare a scrittori di bestseller già noti e popolari. Bisogna investire sugli autori italiani, sulle idee e soprattutto sulla fantasia" conclude l'autore.

Stampa/PDF
Il caso Simon Sword