Il Decluttering: l'arte di liberarsi del superfluo

Stampa/PDF
Il sovraffollamento di oggetti che non servono più, che non usiamo da tempo o di cui potremmo fare perfettamente a meno è una condizione ormai diffusa nelle nostre case.

Il declutterign è l’arte che aiuta a liberarsi di tutto ciò che è superfluo, ma che non sappiamo riconoscere come tale e quindi continuiamo a tenere.

Questa pratica aiuta a fare spazio nei nostri armadi cosi come nella nostra vita, infatti accumulare oggetti, vestiti, accessori, utensili o anche relazioni che non hanno più valore, rappresenta l’incapacità di lasciare andare ciò che ha fatto parte di noi.

Una sorta di ancoraggio al passato che lascia poco spazio al futuro.

“Declutterign” letteralmente vuol dire : eliminare ciò che ingombra, per farlo senza rimpianti e soprattutto in maniera corretta ci sono delle vere e proprie regole da rispettare.

REGOLE PER UN CORRETTO DECLUTTERING

Pianificare gli ambienti che si vogliono sgombrare: una volta individuata la stanza da cui iniziare, partite da armadi e cassetti uno ad uno, senza risparmiare nessun oggetto.

Se decidete di iniziare dai vestiti, ricordate di liberarvi anche degli appendini inutili, ad esempio quelli in ferro della lavanderia. Il decluttering per gli abiti è il più diffuso.

Si tende spesso a conservare indumenti sepolti negli armadi, inutilizzati da tempo perché fuori moda, fuori taglia o rovinati, ma si mantengono nella speranza che ritorni il loro momento. In questo caso va fatta una forzatura e se questo indumento non è stato indossato negli ultimi 12 mesi, allora forse è ora che passi a miglior vita.
Stessa cosa vale per le scarpe, piuttosto che per la bigiotteria o le cravatte per gli uomini.

Liberarsi subito degli oggetti che volete dare via: non riponete le cose in cantina prima di liberarvene definitivamente, rischiate che rimangano lì per anni.

Fate degli scatoloni e portateli subito via da casa, potete regalarli a dei centri di riciclo o alle parrocchie che utilizzeranno gli oggetti e gli indumenti migliori, dandoli a chi ne ha più bisogno.

Potete anche rivenderli su internet, in questo modo unite l’utile al dilettevole, facendo dei piccoli mercatini online sui siti abilitati.

Un'altra idea simpatica potrebbe essere una riffa o una tombola natalizia tra amici, dove mettete in palio le vostre borse o i vostri oggetti migliori di cui non avete più bisogno, potreste far felice qualcuno con un piccolo gesto.

Etichettare gli scatoloni a seconda del materiale che contengono: non ammucchiate abiti con libri, o scarpe con accessori, se volte dare loro una seconda possibilità dovranno essere facilmente riconoscibili.
Etichettate inoltre gli scatoloni con diciture diverse: da riciclare/ da regalare/ da gettare, in questo modo ognuno avrà la corretta destinazione.

Farsi alcune semplici domande per un decluttering senza rimpianti: per essere certi che la mattina dopo non stiate a riaprire le scatole alla ricerca dell’oggetto che avete dato via, ma di cui non eravate convinti, fatevi alcune domande fondamentali per svolgere un decluttering senza ripensamenti.

Mi ha mai convita davvero?, Quante volte l’ho usato quest’anno?, A cosa mi serve?, Possiedo già cose simili ?. Poche semplici domande che non vi faranno tornare sui vostri passi.

Fare un elenco di oggetti che vorreste rendere protagonisti di questa liberazione: se stilate una lista siete sicuri di non tralasciare nulla.

Spesso si associa il deluttering solo agli abiti o alle scarpe, questo è un grande errore, perché tale attività si può definire anche per libri, giocattoli, utensili da cucina, indirizzi mail spam o in disuso, numeri telefonici in rubrica, foto, giornali, chiavi, scatole, creme, medicine, trucchi etc. etc. Insomma tutti gli oggetti che ingombrano la nostra casa senza averne alcun motivo.

Dedicare del tempo giornaliero ben definito: bastano anche 30 minuti al giorno se necessario anche meno, l’importante è che ogni giorno decidiate di ritagliarvi del tempo per liberarvi di ciò che non vi serve più e che è lì ad occupare “abusivamente” il vostro spazio vitale.

Dedicandovi quotidianamente al decluttering , potreste avere l’impressione errata di togliere del tempo alle persone care che sono con voi, ma non è così.

In realtà state facendo spazio nella vostra casa, ma soprattutto nella vostra vita.

Fate decluttering in compagnia: potete farvi aiutare anche dai vostri bambini, sarà un gioco divertente da condividere insieme.

Coinvolgendoli in questa attività, potrete gettare via degli oggetti che gli appartengono senza lacrime e senza rimpianti, perché sarà stato fatto ottenendo il loro consenso.

Date sempre loro la spiegazione di quello fate, e se le cose di cui volete liberarvi (abiti, giocattoli, libri) sono in buono stato, ed i vostri figli non vogliono lasciarli andare, ricordategli che regalando questi oggetti a chi ne ha bisogno contribuirà ad una buona azione .
Stampa/PDF
Il Decluttering: l'arte di liberarsi del superfluo