Il grande jazz di Cava

Stampa/PDF
Torna il grande jazz al Moro di Cava de Tirreni col concerto di Stefano Di Battista & Dea Trio, che annovera Andrea Rea al piano, Daniele Sorrentino al basso ed Elio Coppola alla batteria e ospiterà come ospite speciale Flavio Boltro alla tromba.

Anime musicali dalla riconosciuta genialità che quindici anni fa hanno dato vita al progetto jazz, poi le collaborazioni con artisti riconosciuti a livello internazionale da Richard Galliano, Dee Dee Bridgewater, Joe Lovano, Benny Golson, Scott Hamilton, Enrico Rava solo per citarne alcuni. Durante il concerto al Moro spazio alla presentazione di  "Secret Love" l'album del trio, un lavoro importante dove i tre jazzisti hanno rinchiuso tutto il loro sapere musicale.

Un disco pregevole in cui trova spazio un mix di brani inediti e standard di Brubeck, Kern e Gershwin dove le personalità di Daniele, Elio e Andrea si esprimono in assoli mozzafiato e tecnicamente superbi per poi fondersi in un amalgama assolutamente equilibrata, frutto della raggiunta maturità artistica e del lungo lavoro quasi ventennale che ha accomunato i tre sia pure con gli alti e i bassi dovuti ai diversi percorsi di vita e lavoro di ognuno.

A dare man forte al quartetto l'ospite d'onore della serata, il trombettista Flavio Boltro. Diplomatosi al Conservatorio di Torino, si è esibito con musicisti star come Cedar Walton, Bob Berg, Don Cherry, Billy Hart e Billy Higgins.

All'età di 25 anni entra a far parte di una formazione, nota come 
Lingomania, con Roberto Gatto alla batteria, Furio Di Castri al contrabbasso, Maurizio Giammarco al sax, Umberto Fiorentino alla chitarra, che si aggiudicherà per due volte consecutive il premio per il miglior disco e miglior gruppo dell'anno.

Più o meno allo stesso periodo risale la 
collaborazione con Steve Grossman, con il quale si esibisce regolarmente in club e festival internazionali in quintetto con Cedar Walton, Billy Higgins e David Williams alla sezione ritmica, ma anche con Clifford Jordan e Jimmy Cobb. Ha fatto parte stabilmente per quattro anni della Orchestre National de Jazz Francese, e del sestetto di Michel Petrucciani. Una curiosità: è suo è l'assolo di tromba nella sigla della sitcom Casa Vianello, andata in onda dal 1988 al 2007 .
Stampa/PDF
Il grande jazz di Cava