Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli

Il kit di meraviglie di Maria Vittoria Baravelli

Stampa/PDF

BASE Milano si rinnova l'appuntamento con “WunderKit”, il programma di incontri pensato per mettere in dialogo le diverse comunità creative. Nel salottino vintage di casaBASE - l’ostello di design / residenza d’artista al primo piano di BASE  due martedì al mese all’ora dell’aperitivo, alcuni dei principali professionisti e talenti emergenti delle industrie culturali e creative mostrano al pubblico il proprio personale kit di meraviglie attraverso cinque oggetti ad alto tasso simbolico che raccontano il loro settore professionale, le loro fonti di ispirazione e i loro strumenti di lavoro.

Martedì 10 dicembre, l'appuntamento è con il kit di meraviglie di Maria Vittoria Baravelli, tra influencer, dialoghi inter-generazionali e divulgazione dell'arte attraverso i nuovi media. Originaria di Ravenna, Maria Vittoria è una Art Influencer, o meglio una Art Sharer, giovane curatrice dalle infinite sfumature di occhiali, che racconta mostre, musei e artisti attraverso dirette, stories e post su Instagram. Dal 2018 fa parte del CDA del MAR - Museo d'Arte della città di Ravenna. Ha inoltre partecipato al programma "Giovani e Influencer" su RAI 2 e collaborato con importanti testate di settore, tra cui Artribune, Exibart, LensCulture e Il Corriere della Sera.

Protagonista dell'appuntamento di martedì 17 dicembre sarà invece Giulia Currà - ricercatrice, artista, scrittrice, musicista, collezionista e irrequieta viaggiatrice - che racconterà il suo kit di meraviglie fra metamorfosi artistiche, traslochi emotivi e viaggiatori di passaggio.

Giulia Currà nasce nel 1988 in Italia, e da allora vive in trasloco. Nel 2010 fonda "Traslochi Emotivi", compagnia nomade e frammentata che mescola le diverse discipline dell’arte, tra editoria, performance e installazione. Il 12.12.12 inaugura "CasaCiccaMuseum", un progetto con cui trasforma la sua casa privata in pubblica e teca dove collezionare oggetti, libri consultabili, opere donate da ospiti, artisti e viaggiatori di passaggio come traccia del loro attraversamento. Giulia è custode del "Vegetal Import Festival", un festival mai nato ma sempre esistito, che appare e si compone ogni volta che qualcuno lo vuole adottare.

Stampa/PDF
Il kit di meraviglie di Maria Vittoria Baravelli