Il mito di Dedalo e Icaro, tra ribellione e trasgressione

Stampa/PDF

Si avvia alla conclusione il ciclo di letture "Miti, favole e altre storie", tenutosi da gennaio presso il complesso di San Domenico Maggiore a Napoli nell’ambito della mostra "Con i giocattoli nun s'pazzea".

Sabato 18 marzo si darà voce a un mito immortale quale quello di Dedalo e Icaro che verrà letto in tre lingue diverse napoletano, inglese e neogreco.

Riscritto e reinterpretato in napoletano dalla penna creativa di Roberto Russo, drammaturgo e scrittore napoletano, e interpretato da Francesco Cordella, attore teatrale noto ai più per la partecipazione a fiction di successo, il mito greco verrà introdotto dallo psichiatra Gianluca Ficca che ne ha curato anche la traduzione in inglese.

Ribellione, desiderio di trasgredire, ebbrezza per nuove e pericolose esperienze e voglia di rischiare sono solo alcuni delle spinte che muovono Icaro nella sua scelta di andare oltre e sono proprio alcune delle pulsioni che spingono molti di noi a scegliere prodotti contraffatti a danno di quelli originali.

Questo è il tema di fondo in cui si inserisce il ciclo di letture ideato, promosso e organizzato dall’Associazione Museo del Vero e del Falso, il cui presidente Gino Giamundo da anni è impegnato a diffondere e promuovere la cultura della legalità.

Stampa/PDF
Il mito di Dedalo e Icaro, tra ribellione e trasgressione