IL PARLAMENTO EUROPEO DEVE SOSTENEREIL KOSOVO

Stampa/PDF
Sette anni dopo la dichiarazione di indipendenza, il Kosovo deve ancora affrontare molte sfide: scarse prospettive economiche e un alto tasso di disoccupazione. La sua indipendenza è già stata riconosciuta da 23 Stati membri.

Il Parlamento europeo vota la risoluzione di Ulrike Lunacek (Verdi, Austria) sul processo di integrazione europea del Kosovo. Abbiamo parlato con la relatrice prima del voto. Ultimamente abbiamo sentito parlare di un nuovo "esodo" dal Kosovo: migliaia di persone stanno attraversando il confine serbo-ungherese nella speranza di una vita migliore in Ue.

Ci sono diversi motivi per cui così tanti cittadini del Kosovo stanno lasciando il loro paese d´origine. Il Kosovo è l´unico paese dei Balcani occidentali i cui cittadini non sono autorizzati a viaggiare liberamente nell´Ue per tre mesi.

Sette anni dopo la dichiarazione di indipendenza, questo giovane stato europeo non è ancora un membro a pieno titolo della comunità internazionale. Il nuovo governo eletto nel dicembre 2014 non soddisfa le aspettative di cambiamento, di più posti di lavoro e di un migliore sistema sanitario e di istruzione.

L´UE deve partecipare attivamente allo sforzo internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo del Kosovo dal 1999. Che altro si può fare? Il governo del Kosovo sta facendo la sua parte? 

Oggi il Kosovo non è ancora una repubblica indipendente a tutti gli effetti. L´impatto positivo dell´Ue sul Kosovo è notevolmente indebolito da questo fatto. Per esempio, per quanto riguarda gli sforzi per combattere la corruzione e il crimine organizzato, per avere un futuro deve continuare un dialogo costruttivo tra Pristina e Belgrado, anche per il progresso tangibile sullo stato di diritto e la libertà dei media. 

Non ci può essere alcun progresso nella lotta alla corruzione senza una cooperazione positiva tra Eulex e le autorità del Kosovo, compreso il governo. 15 anni dopo la fine della guerra, i kosovari devono affrontare ancora molte sfide. Il paese è uno dei più poveri in Europa e il 35% della sua popolazione è disoccupato (55,3% tra i più giovani). 

La crisi economica, la disoccupazione, soprattutto tra i giovani, hanno esacerbato la disillusione rispetto al stema politico del Kosovo. L´integrazione europea è la chiave per la stabilizzazione del Kosovo e dell´intera regione. Il voto mostra una chiara maggioranza della commissione per gli Affari esteri e si spera che il Parlamento europeo questa settimana mostrerà un forte sostegno per il futuro europeo del Kosovo.
Stampa/PDF
IL PARLAMENTO EUROPEO DEVE SOSTENEREIL KOSOVO