Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli
  • Magazine
  • Esteri
  • Il Presidente della Turchia Erdogan e la questione dei profughi siriani

Il Presidente della Turchia Erdogan e la questione dei profughi siriani

Stampa/PDF

Sono più di 130.000 i profughi siriani "intrappolati" al confine tra Turchia e Grecia. Dopo aver dichiarato di non poter più contenere i profughi provenienti dalla Siria, l'attuale presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan ha aperto i confini favorendo flussi di immigrazione verso la Grecia e la Bulgaria. La Grecia, che nell'isola di Lesbo già sconta la presenza di migliaia di profughi, dal canto suo, ha vietato l'ingresso di un'ulteriore ondata di profughi e lo ha fatto usando anche le maniere forti. Non potendo più tornare indietro, i profughi siriani sono di fatto intrappolati al confine tra i due Stati dove sopravvivono in condizioni estreme.

La questione migranti
Nel marzo 2016 l'Unione Europea e la Turchia hanno firmato un accordo con l'intento di regolare il flusso di migranti provenienti dalla Siria e diretti nell'Unione Europea. Uno dei punti dell'accordo prevede che i migranti irregolari in viaggio dalla Turchia alla Grecia vengano sottoposti alle procedure di rito e se non possono essere accolti debbano essere riportati in Turchia. A sostegno di tale lavoro, l'Unione Europea si è impegnata a erogare alla Turchia un contributo di circa 6 miliardi di euro in due tempi. Ora con la decisione dell'attuale presidente della Turchia Erdogan di aprire le frontiere, la Turchia è venuta meno al suo ruolo di "gestione" dei flussi di migrazione verso la Grecia e verso l'Unione Europea. Intanto la Grecia, specialmente l'isola di Lesbo, è ridotta all'esasperazione: il campo profughi di Moria è al collasso. È stato progettato per accogliere 3mila persone e ne ospita 19mila ma le pratiche per i richiedenti asilo sono bloccate. Agli spazi limitati e alle precarie condizioni igieniche si aggiungono i disagi dell'inverno: già diversi bambini sono morti per il freddo. Ora che altri profughi siriani stanno premendo per entrare in Grecia, le forze dell'ordine elleniche hanno risposto ai tentativi di forzatura dei confini usando i cannoni ad acqua o sparando razzi lacrimogeni.

il presidente turco Erdogan ha deciso di aprire le frontiere

Le reazioni politiche
La decisione del presidente turco Erdogan ha scatenato immediatamente le reazioni di Grecia e Unione Europea. La Grecia accusa la Turchia di aver violato l'accordo del 2016 ma quest'ultima si difende affermando di non essere più in grado di accogliere migranti, di aver rifiutato ulteriori sovvenzionamenti e chiesto all'Unione Europea di condividere il "fardello" dell'aiuto ai migranti. La presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, ha ribadito la disponibilità a dialogare con i Paesi coinvolti in questa tragica situazione mentre la cancelliera tedesca, Angela Merkel, ha definito "totalmente inaccettabile" che questa operazione "avvenga alle spalle dei profughi".

Una vergogna per l'umanità
In nove anni la guerra in Siria ha fatto oltre mezzo milione di vittime. Il tributo di vite umane, soprattutto civili, più alto di sempre. La questione dei rifugiati, che a oggi sono non si sa quanti milioni, e la decisione del presidente turco Erdogan che spinge nuove ondate migratorie verso la Grecia, rendono questa guerra ancora più crudele. Un conflitto che se riesce a trovare spazio nell'informazione non ne trova altrettanto nelle coscienze umane e nell'agenda politica internazionale.

Stampa/PDF
Il Presidente della Turchia Erdogan e la questione dei profughi siriani