Il progetto Frecciazzurra

Stampa/PDF

Si è svolta stamane, nei locali della stazione metropolitana di Gianturco, la presentazione del Progetto “Frecciazzurra” promosso da Fondazione di Comunità del Centro Storico di Napoli in collaborazione con il Ministero di Giustizia – Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità, Rossopomodoro, I Bar Academy e Rete ferroviaria italiana-RFI (gruppo FS).

All’evento erano presenti Adriano Giannola, Presidente della Fondazione di Comunità del Centro storico di Napoli, Antonio Cardone, Presidente I Bar Academy, Roberto Imperatrice, Socio Fondatore Rossopomodoro,  Mario Sicignano, Vicepresidente Consorzio Mestieri Campania, Fabrizio Torella,  Responsabile Corporate Shared Value Gruppo Ferrovie dello Stato, Gemma Tuccillo,  Capo Dipartimento della giustizia minorile e di comunità, l’Assessore del Comune di Napoli Gaeta e l’Assessore della Regione Campania Angioli e il Presidente e il Procuratore del Tribunale per i minorenni di Napoli.

Un altro piccolo tassello che conferisce forma a quell’idea embrionale che era stata per noi l’impegno in questa stazione” –  le parole del Presidente Adriano Giannola -  “un insieme di attività coadiuvate dalla Fondazione di Comunità del Centro Storico a sostegno dell’intera comunità.

Questo progetto” – ha sottolineato Fabrizio Torella “si inserisce nelle azioni di Responsabilità sociale d’impresa del Gruppo Ferrovie dello Stato che, attraverso la rigenerazione   e la messa a disposizione del proprio patrimonio non più funzionale alle attività ferroviarie, vuole ridare dignità alle persone a rischio esclusione sociale. “Con queste finalità” – ha continuato il responsabile Corporate Shared Value -   “abbiamo messo a disposizione circa 125.000 metri di spazi in 500 stazioni in comodato d’uso gratuito per progetti di carattere sociale o ambientale d’intesa. Tutto in collaborazione con gli enti locali, le istituzioni e il Terzo Settore che hanno l’obiettivo di coniugare coesione sociale e sviluppo territoriale.

Il progetto si svilupperà negli spazi, rinnovati e arredati grazie al sostegno della Fondazione BNL, della Fondazione Terzo Pilastro e di Fondazione Con il Sud, e prevedrà corsi per barman, barista e pizzaiolo, con l’obiettivo di formare lavoratori nel ramo food & beverage di eccellenza, in grado di essere assunti negli esercizi commerciali di settore.

Ha concluso gli interventi l’ On. Gennaro Migliore, Sottosegretario alla Giustizia, che ha ringraziato la Fondazione di Comunità per l’impegno assuntosi nel portare avanti questo progetto sperimentale, sottolineando che “La paura è un muro molto forte, che può alzarsi sia intorno a noi sia nella nostra testa, impedendoci di raggiungere i nostri obiettivi e di credere che ci sia sempre la possibilità di essere liberi.” E ha continuato – “ Frecciazzurra deve rappresentare un obbligo per le istituzioni, un’opportunità per i giovani selezioni e un investimento per le imprese, e proprio il fatto che questo progetto sia sostenuto da una rete di aziende che hanno scelto di aderire e investire in questi ragazzi conferisce due valori aggiunti: una mentalità finalmente realizzatrice e la voglia di combattere una certa idea che vede chi abbia commesso un errore in passato incapace di redimersi. Ora sappiamo che non

Stampa/PDF
Il progetto Frecciazzurra