IL SINDACO CONTRO

Stampa/PDF

L'Amministrazione comunale ha diffidato formalmente, tramite la propria avvocatura, il Commissario della Fondazione Banco di Napoli, Ente pubblico sotto il controllo della Regione, Sergio Sciarelli ed il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro a firmare il protocollo d'intesa, pronto dal dicembre del 2013, per l'utilizzo dell'Area dell'ex Base Nato a Bagnoli.

Gli americani hanno lasciato da più di un anno e mezzo l'area sulla collina di Bagnoli dove per 60 anni avevano stabilito il loro quartier generale nel Sud Italia e proprio a dicembre del 2013 l'area era stata pacificamente occupata e riaperta alla città per una giornata con manifestazioni, a cui aveva partecipato tra gli altri Erri De Luca, e con un concerto di Edoardo Bennato.

"Quell'area - ha dichiarato il Sindaco De Magistris - è una straordinaria opportunità per la città di Napoli. Può diventare il luogo della musica, dell'arte e della creatività, dei bambini, dei giovani, delle famiglie, degli anziani.  Si può realizzare economia dal basso e lavoro. Laboratori, officine, centri sociali. Scuole e formazione. Ci sono strutture bellissime che potrebbero essere utilizzate già da domani: teatro, scuole, campi sportivi per ogni disciplina, residenze, uffici. Dove si programmavano guerre noi vogliamo progettare pace e solidarietà. L'inerzia della Regione e del Commissario della Fondazione è gravissima. Oltre a bloccare la possibilità di utilizzare quell'area per tutti gli abitanti della terra e per noi napoletani sta causando anche un danno patrimoniale alla Fondazione che si occupa di aiutare i bambini in difficoltà della città e che, a causa delle difficoltà di bilancio, ha visto in quest'ultimo anno una contrazione forte delle sua attività benefiche proprio per il mancato reddito dovuto all'inutilizzo dell'area ed alle spese costanti per le utenze, la manutenzione e la vigilanza. Siamo stufi di giochi di palazzo e di potere ai danni del bene comune. Quell'area occupata dalla Nato deve essere ora liberata per essere consegnata alla città".

Stampa/PDF
IL SINDACO CONTRO