Immobiliare: confermato il trend positivo di Napoli

Stampa/PDF
E’ sotto gli occhi di tutti, il mercato immobiliare sta vivendo una netta ripresa, avvalorato dalla presentazione del Listino Ufficiale della Borsa Immobiliare di Napoli, che basandosi sui dati forniti dagli operatori accreditati, redige un documento semestrale sui valori di mercato immobiliare di Napoli e provincia. Secondo i dati il resto d’Italia non è più così distante, naturalmente facendo le debite considerazioni, relative alle macro aree cittadine e non. Intanto dalla ripresa delle compravendite immobiliari sul panorama nazionale ripartita nel 2014, la risalita delle transazioni è proseguita anche nel secondo semestre del 2017 anche se diminuiscono i valori, come confermano i dati degli osservatori privilegiati su piazza, vale a dire le agenzie immobiliari che operano sul territorio.
 
Più nello specifico, come sottolinea la ventennale esperienza di Giancarlo Manno, responsabile area manager di Leonardo Immobiliare, della sede di Via Toledo - “I dati sono positivi, il buon andamento è soprattutto al Centro Storico e ai Quartieri Spagnoli, ripresa che sta contribuendo al successo della città anche in termini di visibilità nazionale. Il boom dei mutui e la riqualificazione di immobili prima considerati poco appetibili, fa sperare in una ulteriore crescita della città”. L’aumento del numero delle compravendite immobiliari è stato trainato da buoni risultati registrati in alcuni capoluoghi di regione e dalle aste immobiliari, che nell’anno appena concluso hanno fatto segnalare il numero di oltre 23.000 esecuzioni immobiliari. Nel secondo semestre del 2017 sono state vendute 146.896 abitazioni per una percentuale pari al +3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
 
Sono stati confermati i segnali positivi del mercato, e torna la voglia di comprare casa, i prezzi anche se in leggera e fisiologica flessione, tendono a stabilizzarsi, sebbene il periodo di crisi non sia ancora finito. Gli osservatori privilegiati registrano un aumento della domanda specialmente delle tipologie di immobili di qualità e di aree con servizi per i cittadini, motivo di positivo cambiamento grazie alle grandi opere urbanistiche, dando ripresa al mercato immobiliare più consistente, per esempio relativo a grandi immobili scelti per essere trasformati in hotel o servizi per il turismo. Forte anche l’impatto dei mutui che sono più che raddoppiati negli ultimi tre anni, nelle compravendite in città. Confermato rispetto al semestre precedente, che almeno il 50% degli acquisti viene effettuato con l’intervento di un istituto di credito.
 
Scelta molto soggettiva e a pari richiesta risulta per gli immobili ristrutturati rispetto a quelli da ristrutturare - continua Manno - con metrature medio grandi dai 130-160 mq. nelle zone più richieste come Vomero, Centro Storico e alcune macro aree di Chiaia. Mentre i tempi di vendita sono stabili sui 5 mesi”. Il mercato infatti decisamente più vivace in zona Vomero, registra la forte domanda specialmente di coppie giovani e famiglie in cerca della prima casa, dove le tipologie di immobili più richiesti sono trilocali ai piani intermedi e possibilmente con balconi o terrazzi. La zona più apprezzata quella a ridosso dell’isola pedonale di Via Scarlatti e Via Luca Giordano, oltre alla più residenziale macro area di San Martino.
Stampa/PDF
Immobiliare: confermato il trend positivo di Napoli